Sono consulente [e docente] in brand management, strategic planning e digital media.

Sono convinta che comunicazione, marketing e brand pervadano ogni cosa e la mia professione consiste nel seminare idee e trasformarle in strategie.
Così in questo blog troverete di tutto: il mio lavoro, le mie docenze, le mie pubblicazioni, ma anche progetti, arte, libri, film, spettacoli, ricette, viaggi, passeggiate...

E-commerce, un canale importante per l’export

Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, ha reso pubblici mercoledì alcuni dati da cui quel che traspare è che l’e-commerce stia divenendo un canale importante per l’export, canale attraverso il quale le imprese italiane [e non solo] possono cogliere opportunità di sviluppo internazionale del proprio mercato.

Lusso vs. Luxury – riflessioni sul branding e le differenze culturali [Comunicando]

Da qualche tempo è online un nuovo numero di Comunicando, tutto dedicato al tema del lusso, in cui – tra gli altri – troverete il mio ormai consueto articolo in materia di “brand management e dintorni”. In questo caso sono partita dalla definizione del termine “lusso” e del suo corrispettivo inglese “luxury” per condividere qualche riflessione sulle differenze culturali che hanno conseguenze sulla strutturazione dell’universo valoriale della marca e sul suo posizionamento in differenti mercati.

Cosa è successo a “Déjà vu – Economie e culture della citazione” [evento]

Venerdì si è tenuto l’evento organizzato dagli studenti del Master in Brand Management 2014 dal titolo”Déjà vu – Economie e culture della citazione”, in cui la tematica della citazione è stata spunto di riflessione e confronto tra diverse figure accademiche e professionali. Di seguito il resoconto dell’evento.

Coca Cola celebra i nonni con l’heritage marketing

Qualche tempo fa Coca Cola ha lanciato in Argentina un simpatico spot che celebra i nonni, la vita più sana, semplice e serena di una volta… e l’heritage marketing, dato che dallo storytelling utilizzato ovviamente il suo brand risulta protagonista indiscusso della scena e rinforza – se possibile :P – la propria caratterizzazione positiva mettendo in mostra la sua lunga esperienza in fatto di felicità.

Studente oggi, leader domani [campagna pubblicitaria]

Challenger è un progetto attivato in Moldova che si pone l’obiettivo di individuare, motivare e formare gruppi di selezionati studenti con l’obiettivo di trasformarli nei leader del futuro. Per dare visibilità al progetto è stata sviluppata una campagna pubblicitaria veicolata attraverso un nuovo medium: il manifesto angolare.

Qualche dettaglio su “Déjà vu – Economie e culture della citazione” [evento 14 novembre]

Vi rinnovo il mio invito a partecipare a “Déjà vu – Economie e culture della citazione”, l’evento organizzato dagli studenti del Master IED in Brand Management che si terrà venerdì 14 Novembre a partire dalle ore 16 presso l’Aula Magna dello IED in via Casilina 47/57 [Roma], un’occasione per riflettere insieme su cicli e ricicli nelle dinamiche di produzione e consumo [ingresso libero, gradita la registrazione]. Per incuriosirvi ancor di più, di seguito qualche dettaglio sui contenuti.

Se hai troppa voglia di fumare, mastica la postcard!

L’Istituto BemSer, promotore di un programma anti-tabacco in Brasile, ha messo a punto una campagna di sensibilizzazione per la propria iniziativa creando una cartolina promo-pubblicitaria tutt’altro che tradizionale e distribuendola con un’attività di direct marketing in prossimità di bar e locali notturni, i luoghi che più di tutti rendono ai fumatori difficile resistere all’appeal di una sigaretta.

McDonald’s pensa in grande, anche nell’aggiornare il proprio menu [ambient marketing]

Un’altra trovata di McDonald’s per dare risalto alla qualità, alla varietà e alla freschezza dei propri alimenti, stavolta in Polonia. Ingredienti: un punto vendita, un mega-manifesto nelle immediate vicinanze del fast food, un artista e molti gessetti. Risultato: una campagna di ambient marketing basata su un immenso “chalkboard menu” che cambia aspetto due volte al giorno.

Honda Accord Hybrid, la più “green”

Le auto ibride sono ormai uno status symbol rispetto all’attenzione all’ecologia e all’ecosostenibilità di chi le guida, anche se attualmente esistono soluzioni che fanno ancor più attenzione all’ambiente. Sta di fatto che la Honda Accord Hybrid si può pregiare del titolo di vincitrice nel 2014 del Canadian Green Award e “darsi le arie” sottolineando il fatto di essere “la più green” nella sua campagna pubblicitaria.


Alessandra Colucci | consulente in Brand Care | strategic planning, brand management, digital media
Powered by WP/Revolt Basic by NenadK | Photo: Silvia Bonanno | Graphic restyling: Niko Demasi
Entries (RSS)
& Comments (RSS).