Affiche - photo by Alessandra Colucci

Analisi e definizione del vantaggio competitivo

Bozzetto conservato al Museo Peroni di una delle affiche della campagna pubblicitaria ideata a metà degli anni '50 dalle aziende birraie

Per ogni organizzazione posizionarsi sul mercato, ricavarsi un bacino d’utenza nel proprio settore comporta un grado più o meno elevato di competizione dato che non esiste caso in cui nessun altro avrà interesse a colpire lo stesso target di riferimento.
Riuscire a partecipare a questa “gara” puntando ad eccellere e a mantenere nel tempo i risultati raggiunti implica necessariamente la predisposizione e l’implementazione di una serie di strumenti e strategie per differenziarsi dai competitors e resistere ai loro “attacchi”.

Il vantaggio competitivo è la sintesi di tali strumenti e strategie: ogni azienda deve definire, creare e, successivamente, mantenere il proprio vantaggio competitivo, garantire performance “migliori” di quelle dei concorrenti e rendere il più complesso possibile replicarne le caratteristiche, se vuole eccellere nel proprio settore.

Nel processo di generazione di un vantaggio competitivo sostenibile, strategie e creatività devono collaborare creando partecipazione e adesione da parte di tutti all’insieme dei valori che questo sottende. La continua innovazione e differenziazione dai competitors, mantenendo comunque inalterata la propria riconoscibilità, dovrà servire per mettere in risalto l’organizzazione nonostante i filtri protettivi utilizzati dal target. Lavorare continuamente sulla propria visibilità, coltivando il brand e le proprie strategie, connettere i progetti legati al proprio settore di riferimento con idee che vengono da altri ambiti, favorirà letture aperte e originali della propria realtà facendole acquisire carisma.

Per approfondire questo argomento leggete l’area MARKETING di Brand Care magazine n° 003 che verrà distribuito dal 1° dicembre (domani) sia online che in versione cartacea. 🙂

16 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. Alessandra Colucci ha detto:

    […] percorsi logico/empatici per la veicolazione dell’identità di brand, i valori aggiunti e il vantaggio competitivo, il posizionamento e le atmosfere emozionali; si occupa di analizzare il contesto della marca, i […]

  2. […] e al progetto che ha portato – a mio parere – a ottimi risultati dal punto di vista sia analitico che […]

  3. […] per costruire valore – Comunicare la storia d’impresa: l’heritage marketing – Analisi e definizione del vantaggio competitivo – Le basi della comunicazione aziendale – Eventi: da strumento a business – Da […]

  4. […] creatività strategica, infatti, per alcune imprese è possibile individuare nuove opportunità di costruire valore collegando diversi settori di mercato al proprio business system per mezzo di transazioni di natura […]

  5. […] e al progetto che ha portato – a mio parere – a ottimi risultati dal punto di vista sia analitico che […]

  6. […] Undivided attention for feet [trad. "Completa attenzione per i piedi"], Scholl comunica il suo vantaggio competitivo, la cura per il benessere dei […]

  7. […] pare veramente deciso a operare una trasformazione profonda nella definizione del proprio vantaggio competitivo spostando il focus della propria comunicazione dal suo “essere fast food” concentrato […]

  8. Best Worst M ha detto:

    […] you're new here, you may want to subscribe to my RSS feed. Thanks for visiting!Il vantaggio competitivo di un’azienda o di un progetto (ma anche di un audiovisivo, come nel caso che vi riporto) […]

  9. Ogg ha detto:

    […] Analisi e definizione del vantaggio competitivo – Marketing, brand e ruolo del cliente – Il prosumer da Radio Alice al Web 2.0 – La civiltà […]

  10. […] percorsi logico/empatici per la veicolazione dell’identità di brand, i valori aggiunti e il vantaggio competitivo, il posizionamento e le atmosfere emozionali; si occupa di analizzare il contesto della marca, i […]

  11. […] marketing per fare del proprio passato storico una risorsa strategica e potenziare il proprio vantaggio competitivo: tutti gli strumenti di comunicazione contribuiscono alla determinazione della percezione che il […]

  12. […] di leggere l’articolo di Alessandra Retico non avrei mai pensato che il vantaggio competitivo di un prodotto potesse essere legato proprio alla sua completa trasparenza, al suo non essere […]

  13. […] anche: – Analisi e definizione del vantaggio competitivo – Brand building per una marca carismatica – La soluzione al lusso? Il design IKEA – Master IED in […]

  14. […] di leggere l’articolo di Alessandra Retico non avrei mai pensato che il vantaggio competitivo di un prodotto potesse essere legato proprio alla sua completa trasparenza, al suo non essere […]

  15. […] anche: – Analisi e definizione del vantaggio competitivo – Brand building per una marca carismatica – La soluzione al lusso? Il design IKEA – Master IED in […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *