scrivere un libro nero

Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt

write

L’avvicinarsi del Natale mi ricorda sempre di quando, da piccina, i miei parenti tentavano di terrorizzarmi (è da sempre molto difficile) per costringermi a non fare capricci dicendomi che se non facevo “la brava bambina” avrebbero contattato Babbo Natale per far inserire il mio nome nel suo libro nero, quello con i nominativi dei bambini a cui non andavano portati i regali.

Tali minacce non sembravano affatto terrorizzarmi, né tantomeno inibire la mia curiosità dato che, al solo sentir nominare l’ormai famosissimo libro nero di Babbo Natale,  partivo con un infinito elenco di domande che rendono possibile oggi la scrittura di questo post. Per onor di cronaca tengo a sottolineare che evidentemente non sono mai finita veramente su quel libro nero (su altri sicuramente sì) dato che i regali di Babbo Natale sono sempre stati parecchi e puntuali (…anche se non sempre hanno rispecchiato esattamente le mie richieste!) 😉

Dalle mie indagini di bambina risulta che il libro nero sia spesso molto grande e pesante, fornito di un numero di pagine praticamente infinito e che Babbo Natale usasse il criterio dell’ordine alfabetico per  catalogare e trascrivere i nomi dei bambini cattivi. Rimane aperta la questione di come l’aggiunta di un nuovo nominativo permettesse il mantenimento dell’ordine alfabetico sul grande cartaceo: la spiegazione degli adulti a riguardo era banalmente la magia, ma penso che molto più probabilmente si trattasse di un e-book su software mutuato da excell… dunque questione risolta dalla tecnologia avanzata  che Babbo Natale poteva vantare già all’inizio degli anni ’80.

Il medium del libro nero, oltre ad essere adottato da Babbo Natale (e naturalmente dalla Befana per documentare i meritevoli di carbone), pare essere molto in voga in tantissimi settori. Googleando sul web ne ho scoperti numerosi: c’è chi ne tiene uno dei propri o degli altrui errori (es. il libro nero del comunismo), chi vi appunta segreti indicibili (es. il libro nero degli Stati Uniti), ci sono libri neri per diverse professioni (es. il libro nero dell’imprenditore), ci sono quelli divisi per settore o categoria d’impresa (es. il libro nero delle aziende di marca), fino a quelli che mettono insieme i gossip più disparati (es. il libro nero delle diete di Hollywood).

Per non contare i personal black book come quello che mia madre ha sempre minacciato di iniziare a scrivere oppure quello che mentalmente io ho sempre tenuto complice la mia memoria a lunghissimo termine che difficilissimamente fa cilecca. Il libro nero pare essere molto utilizzato e sempre affascinante, tanto affascinante almeno per  me da spingere i miei a regalarmi un libro che racconta del libro nero di un’altra.

“I cattivi pensieri di Annie May” di Debby Holt è il libro che ho finito di leggere qualche giorno fa. Una divertente commedia, leggera e sentimentale, sdrammatizzata dall’autoironia della protagonista e dalle “pause” in cui si concede al lettore di gustare direttamente alcuni stralci del libro nero di Annie, elenchi di torti e sgarbi con tanto di nome e data dell’imperdonabile di turno. Di solito reputo troppo “mielosi” i libri che si auto-definiscono “commedie sentimentali”… solo il fatto che fosse un libro nero poteva convincermi a leggerlo! 😉

6 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Leggi anche: – L’amore per i libri secondo Floriano Bookstore – Creatività e strumenti didattici: Carulla e il libro che si taglia – Più lontano ancora di Jonathan Franzen [libro] – Storia di un Corpo di Daniel Pennac [libro] – Promuovere voli in libreria [British Airways] – Shared Identities di Vincenzo Bernabei [presentazione del libro – 22 Febbraio] – La Befana è intellettuale – ovvero – Un libro per chi ha fretta – Riuso e arredo fai-da-te: E ora si IKrEA di Massimo Acanfora [libro] – Come diventare sé stessi di David Lipsky – ovvero – Un libro su/di David Foster Wallace – Marilyn Monroe testimonial per Libreriamo – “Ultime notizie dal Sud” di Luis Sepúlveda [libro] – Questa è l’acqua – ovvero – il mio settimo libro di David Foster Wallace – Concorso Unilibro: Smonta e rimonta un libro! – I libri non si buttano, MAI! – Brevi interviste con uomini schifosi – ovvero – il mio sesto libro di David Foster Wallace – La Befana e i libri – Ammettilo, leggere ti piace! – Cosa rende “libro” un libro? – Ogni libro ti cambia un po’ la vita – Leggere un buon libro non ha prezzo, per comprarlo c’è MasterCard – ovvero – IBS e i miei libri per l’estate – “Momenti di trascurabile felicità” di Francesco Piccolo [e alcuni dei miei] – Considera l’aragosta – ovvero – Il mio quinto libro di David Foster Wallace – Il luogo in cui si legge di più è il bagno… e c’è chi ne approfitta per ricordarci di leggere di più – Oblio – ovvero – Il mio quarto libro di David Foster Wallace – Befana: calze colme di storie – La scopa del sistema – ovvero – Il mio terzo libro di David Foster Wallace – “Enjoy the wait” – ovvero – Per ingannare l’attesa ti offro un libro – Una cosa divertente che non farò mai più – ovvero – Il mio secondo libro di David Foster Wallace – “Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato – Libri vs. e-book: dalla polemica alle risate – Il mio primo libro di David Foster Wallace – Leggere, scrivere, comunicare: riflessioni su un concorso di scrittura creativa – Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt […]

  2. […] Leggi anche: – Marabou: cioccolato con la scusa incorporata per placare il senso di colpa – IKEA: il prodotto come medium – Dillo con un… letto [IKEA] – La spesa in musica [ambient marketing] – Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta – Gulf News aggiunge un plus al caffè di Tim Hortons: le notizie dell’ultima ora – Il luogo in cui si legge di più è il bagno… e c’è chi ne approfitta per ricordarci di leggere di più – Le istruzioni IKEA per assemblare la propria carriera professionale – “Enjoy the wait” – ovvero – Per ingannare l’attesa ti offro un libro – Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt […]

  3. […] Leggi anche: – La Befana è intellettuale – ovvero – Un libro per chi ha fretta – Riuso e arredo fai-da-te: E ora si IKrEA di Massimo Acanfora [libro] – Come diventare sé stessi di David Lipsky – ovvero – Un libro su/di David Foster Wallace – Marilyn Monroe testimonial per Libreriamo – “Ultime notizie dal Sud” di Luis Sepúlveda [libro] – Questa è l’acqua – ovvero – il mio settimo libro di David Foster Wallace – Concorso Unilibro: Smonta e rimonta un libro! – I libri non si buttano, MAI! – Brevi interviste con uomini schifosi – ovvero – il mio sesto libro di David Foster Wallace – La Befana e i libri – Ammettilo, leggere ti piace! – Cosa rende “libro” un libro? – Ogni libro ti cambia un po’ la vita – Leggere un buon libro non ha prezzo, per comprarlo c’è MasterCard – ovvero – IBS e i miei libri per l’estate – “Momenti di trascurabile felicità” di Francesco Piccolo [e alcuni dei miei] – Considera l’aragosta – ovvero – Il mio quinto libro di David Foster Wallace – Il luogo in cui si legge di più è il bagno… e c’è chi ne approfitta per ricordarci di leggere di più – Oblio – ovvero – Il mio quarto libro di David Foster Wallace – Befana: calze colme di storie – La scopa del sistema – ovvero – Il mio terzo libro di David Foster Wallace – “Enjoy the wait” – ovvero – Per ingannare l’attesa ti offro un libro – Una cosa divertente che non farò mai più – ovvero – Il mio secondo libro di David Foster Wallace – “Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato – Libri vs. e-book: dalla polemica alle risate – Il mio primo libro di David Foster Wallace – Leggere, scrivere, comunicare: riflessioni su un concorso di scrittura creativa – Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt […]

  4. […] Ho letto anche: – “Momenti di trascurabile felicità” di Francesco Piccolo [e alcuni dei miei] – Considera l’aragosta – ovvero – Il mio quinto libro di David Foster Wallace – Oblio – ovvero – Il mio quarto libro di David Foster Wallace – La scopa del sistema – ovvero – Il mio terzo libro di David Foster Wallace – Una cosa divertente che non farò mai più – ovvero – Il mio secondo libro di David Foster Wallace – Il mio primo libro di David Foster Wallace [nda La ragazza dai capelli strani] – Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt […]

  5. […] … ecco due nuovi attacchi di guerriglia – ma sicuramente non gli ultimi – sferrati da Pepsi nei confronti dell’acerrima nemica Coca Cola: le ruba gli orsi e rincara la dose mostrandole il tradimento di Babbo Natale: […]

  6. ha detto:

    […] Altre recensioni: – Considera l’aragosta – ovvero – Il mio quinto libro di David Foster Wallace – Oblio – ovvero – Il mio quarto libro di David Foster Wallace – La scopa del sistema – ovvero – Il mio terzo libro di David Foster Wallace – Una cosa divertente che non farò mai più – ovvero – Il mio secondo libro di David Foster Wallace – Il mio primo libro di David Foster Wallace [nda La ragazza dai capelli strani] – Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *