Brand Care magazine n° 003

L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale

Brand Care magazine

L’house organ, una rivista che tratti della vita dell’organizzazione e di tematiche a questa vicine, anche visto come interessante occasione di spin-off per il blog corporate, è uno strumento che rende possibile avvicinare e informare anche chi non utilizza spesso internet.

L’ideazione e la distribuzione di un magazine strettamente legato al brand dell’organizzazione rende possibile un ulteriore ampliamento dell’audience per i contenuti ritenuti di particolare rilievo e dei quali si vuol mettere al corrente il maggior numero di persone possibile, ovvero un buon veicolo istituzionale per arrivare a “parlare” con i fruitori più illustri o con i vertici di altre organizzazioni.

Esistono molti modi per concepire una pubblicazione di questo tipo a seconda dei target che questa si propone di raggiungere, dei contenuti che vuole veicolare, della modalità e della periodicità con la quale si vuole distribuire.

L’esempio che meglio conosco è naturalmente quello dell’house horgan di Queimada, Brand Care magazine, che nasce proprio come spin-off di Brand Care online nel momento in cui alcuni dei nostri clienti hanno iniziato a dirci che era interessante poter leggere i post pubblicati durante i loro lunghi spostamenti in treno o in aereo, ma spesso questo era reso impossibile dalla difficoltà di avere una connessione stabile. Quando ci siamo resi conto che non erano in pochissimi a pensarla in questo modo, che altri non erano abituati a navigare per informarsi o per diletto, abbiamo capito che probabilmente non riuscivamo a colpire con il blog corporate tutto il target per noi interessante. Oltre a ciò una rivista ci avrebbe dato la possibilità di approfondire alcune delle tematiche che abbiamo sempre avuto particolarmente a cuore ed alle quali non potevamo dare il giusto risalto sul blog, proprio per le differenti caratteristiche di linguaggio che ha un blog rispetto ad una pubblicazione cartacea.

Così siamo diventati editori di un magazine che:

  • trattasse di marketing, comunicazione, creatività, tecnologie&web, business, culture e formazione;
  • fosse uploadato su web, scaricabile in .pdf, ma anche distribuito tramite posta su abbonamento o nostra selezione (la nostra selezione naturalmente si compone di tutti i manager di alto livello con cui abbiamo avuto a che fare negli anni per lavoro e di tutti i manager dei più variegati settori con cui ci piacerebbe avere a che fare 😉 );
  • coinvolgesse tutti i nostri contatti in ambito accademico per un contributo sporadico o per una collaborazione più stabile nella creazione di contenuti il più possibile up-to-date in ogni ambito (di fatto sono coinvolte persone di numerosissime università pubbliche e private sparse per tutto lo stivale);
  • ci ricordasse continuamente l’importanza, nel nostro settore, dell’aggiornamento continuo e ci desse dunque la spinta a impegnarci su questo versante.

Qui tutti i numeri di Brand Care magazine.
A Marzo il n°004
che tratterà del rapporto tra il concetto di “serialità” in diversi ambiti della comunicazione. Il quarto numero vedrà ache il completo restyling dell’impaginato e molti nuovi contributors.
Qui l’elenco degli articoli scritti da me su Brand Care magazine.

9 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] benessere e produttività – Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo – L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale – Perché creare un “corporate blog” – L’archivio e il museo d’impresa per […]

  2. […] 51% spesi in pubblicazioni cartacee (es. house organ) […]

  3. […] – Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo – Video aziendali e Youtube – L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale – Perché creare un “corporate blog” – L’archivio e il museo d’impresa per […]

  4. Branded cont ha detto:

    […] Altro sui branded content: – IKEA, branded content e nuovo catalogo – Imparare l’inglese con Google Chrome [branded content] – Nesquik e le torte come branded content – Lavatrici finite male by Maccio Capatonda in collaborazione con Calgon [branded content] – Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta – Gulf News aggiunge un plus al caffè di Tim Hortons: le notizie dell’ultima ora – Il tuo epitaffio? Crealo con l’app per Facebook – Svegliarsi con il caffè [letteralmente] grazie a un’app – Ne avete abbastanza delle feste, ma non della follia? Ecco il rimedio. – The New Yorker: web puzzle tra heritage marketing e branded content – Mix tra pubblicità comparativa e brand entertainment per Casa Coop – Catalogo IKEA 2012: focus on small spaces – App Malboro per social smoker – ovvero – Come “scroccare” una sigaretta senza irritare nessuno – IKEA ora mette ordine anche nei computer – Dalla newsletter ai pomodori gratinati – Creare contenuti di brand è più efficace della pubblicità – L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale […]

  5. […] to my RSS feed. Thanks for visiting!Per chi non lo sapesse ancora, Brand Care magazine è l’house horgan di  Queimada – Brand Care che si propone di produrre miglioramento e  innovazione creando […]

  6. […] Slideshare e Issuu per condividere documenti, presentazioni, portfolio lavori, pubblicazioni, house organ etc. […]

  7. […] Questo ci sembra inoltre il momento migliore per presentarvi il restyling effettuato sul nostro marchio: innovare e rinnovare per continuare ad assomigliare a sé stessi è fondamentale anche per un brand giovane come il nostro e nei prossimi mesi al rebranding seguirà il restyling del coordinato aziendale, del nostro spazio web e della grafica di Brand Care magazine. […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *