prezzi in 3D

Il prezzo perfetto

prezzi in 3D

Il prezzo psicologico ottimale per il consumatore, e cioè il prezzo con cui si suppone che la marca riuscirà ad attirare il maggior numero di consumatori, con l’aiuto delle ricerche di mercato viene definito in base a:

  • il prezzo di riferimento, un valore medio nello spettro dei prezzi e dei prodotti similari
  • il prezzo-soglia minimo, il prezzo minimo accettabile al di sotto del quale il consumatore potrebbe sospettare di non ritrovare nel prodotto la qualità desiderata
  • il prezzo-soglia massimo, il massimo che il consumatore è disposto a spendere

Fattori psicologici che influenzano la sensibilità al prezzo.

  • Unicità del prodotto – Quando l’offerta è particolarmente limitata gli acquirenti sono meno influenzati dal prezzo.
  • Esistenza di prodotti sostitutivi – Quanto più l’offerta di prodotti sostitutivi è ampia, tanto meno è possibile sostenere prezzi elevati.
  • Scarsa confrontabilità – Quando le alternative sono poco note o la loro ricerca comporterebbe una spesa superiore al beneficio, la marca può mantenere prezzi elevati.
  • Entità della spesa – Gli acquirenti sono tanto meno sensibili al prezzo quanto minore è l’ammontare della spesa, relativamente al loro reddito.
  • Composizione dell’acquisto – Quando il prodotto acquistato è destinato a far parte di un insieme di oggetti o prodotti il prezzo è una variabile meno rilevante.
  • Condivisione della spesa – Quando l’ammontare della spesa è condiviso del tutto o in parte con altri, la variabile-prezzo è percepita come meno influente.
  • Prodotti complementari – Se il prodotto è destinato a essere utilizzato insieme ad altri prodotti acquistati precedentemente, il potenziale consumatore è più propenso all’acquisto indipendentemente dal prezzo.
  • Rapporto qualità/prezzo – Quando il prodotto possiede caratteristiche di qualità, prestigio ed esclusività si può optare per una fascia di prezzo più alta.
  • Conservabilità – Nel caso in cui un prodotto non può essere conservato la variabile prezzo diventa più importante.

Leggi anche:
Comunicazione e posizionamento di brand
Leve di marketing: il PREZZO (e il brand)
Master IED in Gestione Strategica del Brand: via alle iscrizioni

7 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] brand carismatico e molto coerente, creativo, attentissimo alle esigenze dei suoi clienti e con un rapporto qualità/prezzo invidiabile. IKEA mantiene le sue promesse e questo produce fidelizzazione, partecipazione e anche […]

  2. […] alleato di brand – Leve di marketing: la DISTRIBUZIONE – Tattiche di prezzo – Il prezzo perfetto – Leve di marketing: il PREZZO (e il brand) – Comunicazione: B2B e B2C – […]

  3. […] Leve di marketing: il PREZZO (e il brand) – Il prezzo perfetto – Tattiche di […]

  4. […] del 2.0, stanno [ri]disegnando i paradigmi sociali ed economici mettendo in evidenza che il denaro non è più l’unico parametro di misurazione, è il valore d’uso o utilità della “cosa” il nuovo “prezzo”: nascono le […]

  5. […] di brand – Leve di marketing: la DISTRIBUZIONE – Leve di marketing: il PREZZO (e il brand) – Il prezzo perfetto – Tattiche di prezzo – Master IED in Gestione Strategica del Brand: via alle iscrizioni Posted on […]

  6. […] Comunicazione e posizionamento di brand – Leve di marketing: il PREZZO (e il brand) – Il prezzo perfetto – Tattiche di prezzo – Master IED in Gestione Strategica del Brand: via alle iscrizioni Posted on […]

  7. […] Comunicazione e posizionamento di brand – Leve di marketing: il PREZZO (e il brand) – Il prezzo perfetto – Master IED in Gestione Strategica del Brand: via alle iscrizioni Posted on venerdì, marzo 12th, […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *