Corporate Reputation - via brandtjen.wordpress.com

Whole Brand Reputation

Leggo sul n° 109 di Social Trends, il quadrimestrale pubblicato da GfK Eurisko per condividere il proprio lavoro di ricerca e analisi, l’intervista a Diego Masi, persidente di AssoComunicazione.

L’intervista, a cura di Vitalba Paesano e intitolata Green Economy alla prova, prende spunto dal libro Go Green,  scritto dallo stessi Masi, per descrivere quanto il cambiamento delle fonti energetiche di riferimento trasformerà profondamente la società tutta, settore della comunicazione compreso:

“D’ora in poi, la parola d’ordine, per le aziende, sarà Whole Brand Reputation, un progetto di posizionamento integrale delle marche, in un mondo che chiede sostenibilità. Whole sta per integro, pulito, onesto, trasparente.
Anche la comunicazione dovrà assumere un ruolo più progettuale per dare significato culturale e sociale alla marca. E dovrà agire con lungimiranza e creatività, senza sottovalutare l’importanza e la diffusione delle relazioni sulla Rete.”

Diego Masi parla del Green Marketing come l’approccio al marketing del futuro. In realtà tale approccio dovrebbe essere già racchiuso nella dimensione “socialmente responsabile” del marketing olistico, prospettiva strategica a cui tutte le aziende dovrebbero ormai tendere. Masi durante l’intervista spiega:

Credo che il consumatore si attiverà per chiedere alle aziende di essere più attente ai valori e ai bisogni della società. Questo anche perché il mondo politico non riuscirà più a dare agli Italiani una serie di risposte e di servizi necessari. E allora la gente si aspetterà dalle aziende una maggior partecipazione alla vita civile, una maggiore attenzione al sociale. Le imprese, prima di distribuire denaro agli azionisti, dovranno cominciare a distribuire i dividendi, in termini di servizi, ai propri concittadini, alla comunità, al proprio Paese. Perché è così che si costruisce maggiore reputazione, quella Brand Reputation di cui tanto si parla in questo momento. Dove fino a oggi c’era l’Immagine, adesso c’è la Reputazione. L’impresa non è vista solo come attore di sviluppo economico, ma anche di autentico sviluppo sociale.”

Corporate Reputation - via brandtjen.wordpress.com


16 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] nel tentativo di creare per la propria organizzazione la Whole Brand Reputation descritta da Diego Masi in Go Green, sempre più spesso capita di vedere campagne pubblicitarie che […]

  2. […] – Connettere piuttosto che collezionare: riflessioni a partire da de Kerckhove – Whole Brand Reputation – Il prosumer da Radio Alice al Web 2.0 – Cosa fa uno “strategic planner”? […]

  3. […] tale azione, oltre a far bene al nostro Pianeta, ha sicuramente fatto altrettanto bene alla whole brand reputation di Y&R! […]

  4. […] fine della “società dell’immagine” e il passaggio a un approccio olistico al marketing sono strettamente legati: alle marche non basta […]

  5. […] Esporre sinceramente quel che si è è il primo passo per costruire una reputazione che nessuno potrà smentire o rovinare dato che corrisponderà al […]

  6. […] civiltà dell’empatia: dagli esperimenti sulle scimmie al branding – Il Brand è una promessa – Whole Brand Reputation – Corporate blog e web writing – Il prosumer da Radio Alice al Web 2.0 – Marketing, brand e ruolo […]

  7. Soft Strategy ha detto:

    […] il Master IED in Brand Management, Alessandra Colucci terrà una lezione dal titolo Whole Brand Reputation: “Un progetto di posizionamento integrale delle marche dovrebbe prevedere una Whole Brand […]

  8. […] della community che nel tempo essa ha creato. Un nuovo esempio di quanto sia importante mantenersi coerenti in tutte le espressioni della propria comunicazione in modo da rimanere sempre riconoscibili al proprio pubblico e mantenere in ogni situazione la […]

  9. […] a tenere la relativa lectio magistralis (orario specifico e aula sono ancora da confermare) sulla Whole Brand Reputation: “Un progetto di posizionamento integrale delle marche dovrebbe prevedere una Whole Brand […]

  10. […] il Master IED in Brand Management, Alessandra Colucci terrà una lezione dal titolo Whole Brand Reputation: “Un progetto di posizionamento integrale delle marche dovrebbe prevedere una Whole Brand […]

  11. […] e pacchettini, ci sono stanti sprechi di materiali: H-57 Creative Station, in nome della propria whole brand reputation, ha deciso di dare il proprio contributo per la diminuzione dell’inquinamento riciclando i […]

  12. […] maggiormente sulle dinamiche collettive di scambio e negoziazione valoriale sembrano essere: la brand reputation (la reputazione delle marche che rappresentano servizi, prodotti, beni di consumo), i social media […]

  13. […] Pugni, nella quale condivido alcune mie opinioni sull’importanza della costruzione di una solida reputazione per venditori o semplicemente per chi vuole “vendere sé […]

  14. […] my RSS feed. Thanks for visiting!Proprio nel tentativo di creare per la propria organizzazione la Whole Brand Reputation descritta da Diego Masi in Go Green, sempre più spesso capita di vedere campagne pubblicitarie che […]

  15. […] Masi, persidente di AssoComunicazione, definisce Whole Brand Reputation il posizionamento integrale della marca, in cui la comunicazione è fatta di pianificazione […]

  16. Yoono, l&# ha detto:

    […] l’utilizzo dei social media tra le proprie strategie di visibilità per la creazione di brand reputation, risulta essere uno strumento irrinunciabile, più che […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *