Micro: connettere Lie to Me a Twitter

Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter

CONNETTERE IDEE. TAG: “MICRO”

Sarà perché sto ri-vedendo le puntate della prima (unica?) serie di Lie to Me, sarà perché da sempre le “cose piccole” credo siano tra le più importanti, sarà che ho eletto Twitter mio social media/social network preferito (se escludiamo i blog dalla classifica), ma sempre di più mi sembra che tutto ruoti intorno al “micro”.
Il micro delle micro-espressioni del Dr. Lightman, il micro del micro-blogging via cinguettìo: due tipologie di “micro” che vengono costantemente riproposte e ripresentate.

MICRO-ESPRESSIONI

Micro: connettere Lie to Me a TwitterFondamentali, nelle serie TV come nella vita, per comprendere intenzioni ed animo delle persone con cui si interagisce, importanti anche e soprattutto perché micro, apparentemente ininfluenti, sovente celate e inconsce, difficilmente controllabili, ma sempre protagoniste: implicitamente studiate dal Tenente Colombo (ricordate lo sguardo di Peter Falk?), esplicitate e scientificamente spiegate – appunto – in Lie to Me, intuite e fatte notare maliziosamente nelle puntate di The Mentalist. Tre serie emblematicamente basate su personaggi enigmatici, abilissimi a mentire e con una intelligenza acuta, tagliente, quasi fastidiosa, nonché su ciò che fino a qualche tempo fa si sarebbe chiamato intuito, talento o psicologia e che adesso adesso è micro-espressione.

Riconoscere le micro-espressioni e, in generale, saper interpretare e utilizzare in modo corretto gestualità e prossemica può essere dunque molto importante nei rapporti interpresonali (pensate con i vostri clienti): spia, indizio o addirittura prova di verità o di menzogna, delle intenzioni e delle emozioni.

MICRO-BLOGGING

La possibilità di indicare il proprio “status” ormai è presente in praticamente tutti i social network – per esempio Facebook, LinkedIn e FriendFeed ce l’hanno – ma non capisco perché solo per Twitter si parla di micro-blogging.

Tale definizione mi sembra molto affascinante e abbastanza criptica da tener lontano, almeno in Italia, chi non ha veramente qualcosa da dire e condividere, qualcosa che possa essere interessante tanto da essere “re-tweettato”: l’ideale per chi vuole utilizzare il web per approfondire argomenti più o meno specifici e/o per affermare la propria attività ed la propria brand reputation.

Su Facebook, individuato come diretto concorrente di Twitter, “ci sono TUTTI” e si possono fare mille cose come chattare, giocare, uploadare foto, condividere link, “scrivere sui muri”… oltre ad aggiornare il proprio status con un breve messaggio alla propria rete. Facebook sembra voler fagocitare tutti gli altri social network offrendone i singoli servizi in un unico luogo dato che a ben vedere contiene: Google Reader, Flickr, Twitter, Skype…
Twitter è più specifico, meno dispersivo, più utile e interessante, anche e soprattutto perché è micro ed i suoi tweet  possono essere “spia, indizio o addirittura prova di verità o di menzogna, delle intenzioni e delle emozioni” proprio come le micro-espressioni.

Twitter: non più di 140 caratteri per descrivere cosa stai facendo che si trasformano in micro (ovviamente) messaggi per scambiarsi informazioni su qualsiasi cosa. Il micro-blogging è adattissimo a chi fa ricerca e a chi fa business.

Altro sui social media:
Le mie strategie di Social Networking – Facebook e FriendFeed
Le mie strategie di Social Networking – Follow me on Twitter
Yoono, l’adds-on per gestire tutti i tuoi social media da un’unica interfaccia
Save the date – 1° giugno 2010: Aperitivo DuepuntozerO a Bologna
Le mie strategie di Social Networking – Profilo LinkedIn: aggiornato
Corporate blog e web writing
Aziende e Social Network: il corporate blog vs. il sito vetrina
Il prosumer da Radio Alice al Web 2.0
Tag cloud e Brand Care magazine
Un’agenda web-based per lavorare meglio, soprattutto in team
Perché creare un “corporate blog”
Aziende e Social network: l’esempio IKEA

13 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. Martin Castrogiova ha detto:

    […] di Leo Delibes come colonna sonora che rende tutto molto più comico. Sarà per la gestualità e le attonite espressioni facciali di un impacciato Martin Castrogiovanni. Ma gli ultimi spot di Edison dedicati alle Olimpiadi di […]

  2. […] dei rapinatori di Ottica Avanzi – Serialità e intrecci: Beautiful resiste da 23 anni – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Riflessioni personali su serialità, televisione e post-televisione – Delirio seriale in forma […]

  3. […] dei rapinatori di Ottica Avanzi – Serialità e intrecci: Beautiful resiste da 23 anni – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Riflessioni personali su serialità, televisione e post-televisione – Delirio seriale in forma […]

  4. […] dei rapinatori di Ottica Avanzi – Serialità e intrecci: Beautiful resiste da 23 anni – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Riflessioni personali su serialità, televisione e post-televisione – Delirio seriale in forma […]

  5. […] Le mie strategie di Social Networking – Follow me on Twitter – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Twitter: una infografica sugli users profile e un video di consigli per l’uso – Follow Friday […]

  6. […] dei rapinatori di Ottica Avanzi – Serialità e intrecci: Beautiful resiste da 23 anni – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter –  Riflessioni personali su serialità, televisione e post-televisione – Delirio seriale in forma […]

  7. […] dei rapinatori di Ottica Avanzi – Serialità e intrecci: Beautiful resiste da 23 anni – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Riflessioni personali su serialità, televisione e post-televisione – Delirio seriale in forma […]

  8. […] il più possibile targettizzato e personalizzato sulle esigenze delle iscritte, pensando ai “dettagli”, ai “piccoli” cambiamenti che si impongono allo stile di vita di chi ne è […]

  9. […] video di consigli per l’uso – I numeri del social networking – Facebook come risorsa per il B2B – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Le mie strategie di Social Networking – Facebook e FriendFeed – Le mie strategie di Social […]

  10. […] Partita il 5 novembre e prevista concludersi il 31 dicembre 2010, la selezione è aperta a giovani fotografi dilettanti e professionisti residenti nelle città e province di Roma e Torino, chiamati a interpretare paesaggi e architetture della propria città e a ritrarne particolari come visti da una lente d’ingrandimento. […]

  11. […] anche: – La civiltà dell’empatia: dagli esperimenti sulle scimmie al branding – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Algoritmi, @Jovanz74 e #Gilda35 – ovvero – il twittino che imparò a volare – CORPORATE 2.0: […]

  12. […] video di consigli per l’uso – I numeri del social networking – Facebook come risorsa per il B2B – Attenzione al “micro”: cosa connette “Lie to Me” a Twitter – Le mie strategie di Social Networking – Facebook e FriendFeed – Le mie strategie di Social […]

  13. Twi ha detto:

    […] to my RSS feed. Thanks for visiting!Twitter, per chi non lo sapesse, è un servizio gratuito di social network e microblogging che fornisce agli iscritti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *