SMART - campagna pubblicitaria multisoggetto - Green Brand

Comunicare “Green” e il “Green washing”

Proprio nel tentativo di creare per la propria organizzazione la Whole Brand Reputation descritta da Diego Masi in Go Green, sempre più spesso capita di vedere campagne pubblicitarie che puntano sul lato “verde” della marca che promuovono.

L’ESEMPIO DI SMART

SMART - campagna pubblicitaria multisoggetto - Green Brand
[via]

L’ESEMPIO DI BANK COOP


[via]

COS’È IL GREEN WASHING?

Nonostante sia ancomiabile il fatto che, queste come tante altre organizzazioni, si siano poste il problema dell’eco-compatibilità dei propri prodotti/servizi, la domanda che il consumatore (oramai prosumer) dovrebbe porsi ogni volta è: quanto l’azienda che si sta promuovendo è realmente “green” e quanto invece ciò che mostra sui media è solo una questione di immagine, ovvero quanto l’atteggiamento attento al proprio ecosistema è radicato e non superficialmente “sbandierato”?

In sintesi: il brand che si comunica come “verde”, lo è realmente o sta facendo “green washing”?

“Il termine green washing, coniato nei primi anni ’90 da Greenpeace per descrivere ‘cynical, superficial, public relations marketing’, designa un’appropriazione indebita di virtù ambientaliste da parte di una società, un’impresa, un governo, per farsi un’immagine verde. […]

Esiste una lista dei sei segni che possono aiutare a capire quando ci troviamo di fronte a un tentativo di green washing:

  1. Peccato di nascosto trade-off, quando si dichiara un unico elemento verde presente per affermare che un prodotto è green
  2. Peccato di mancanza di prove, quando non ci sono dati per convalidare l’affermazione
  3. Peccato di vaghezza, con affermazioni vaghe e non chiare
  4. Peccato di irrilevanza, con affermazioni che spostano l’attenzione su elementi irrilevanti e non verdi
  5. Peccato del “minore dei mali”, affermazioni che distolgono da considerazioni sull’impatto ambientale del prodotto
  6. Peccato di falsità, …

[fonte: intervista a Diego Masi su Social Trends n° 109]

9 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Altre “robe” green: – Arredi urbani eco-motivanti [ambient marketing] – Opel Ampera e il suo testimonial d’eccezione – La campagna “Do not disturb” di Greenpeace – Funfare, l’app per condividere la benzina e incentivare il carpooling [idee] – Comunicare green: promuovere ebook con QR-cookies – Londra, le Olimpiadi e il rispetto per l’ambiente – Ambiente: la consapevolezza aiuta a ridurre gli sprechi – Vuoi risparmiare acqua? Non cantare – Oreo e il riciclo delle briciole – SMART electric: green anche nelle affissioni – Aquafresh e il risparmio idrico – Una app per giocare alla raccolta differenziata – La busta è come il maiale – ovvero – Le shopper riciclabili della Lee – Cosa ricicliamo e cosa sprechiamo? [infografica] – Riciclo e pacchi regalo… Re-pack project – Creatività e raccolta differenziata – Comunicare “Green” e il “Green washing” […]

  2. […] Ho da poco traslocato (il mio appartamento è ancora un delirio, ma inizio a scorgere una luce in fondo al tunnel!

  3. Alessa ha detto:

    […] L’approccio “green” pervade veramente ogni cosa e ogni azienda: diminuzione degli sprechi, raccolta differenziata, riciclo dei più svariati materiali… ora, con Oreo “il biscotto preferito dal latte”, anche delle briciole che rimangono nella scatola una volta svuotata. […]

  4. […] ha scelto di comunicare la propria attenzione all’ambiente creando una campagna di sesibilizzazione alla riduzione degli sprechi da veicolare negli uffici dei […]

  5. […] ambientali… intavolando un dialogo costruttivo con i propri interlocutori. Da ciò dipende la brand reputation, nonché il successo di un business. Buona […]

  6. […] you're new here, you may want to subscribe to my RSS feed. Thanks for visiting!L’approccio “green” pervade veramente ogni cosa e ogni azienda: diminuzione degli sprechi, raccolta differenziata, […]

  7. […] farsi conoscere e riconoscere ovunque e, non ultimo, fa tutto questo stando attenta a mantenere un approccio green, volto al riciclo, per evitare inutili […]

  8. […] riesce ad usare le affissioni senza che i manifesti producano il classico inquinamento visivo. Green fino in […]

  9. […] Obiettivi del Millennio – Heritage e Facebook: la Slovacchia del 1939 e le persecuzioni razziali – Comunicare “Green” e il “Green washing” – Nuova Zelanda: per ricordare ogni giorno l’importanza della memoria e i disagi dell’Alzheimer […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *