Esperimento fotografico di Sally Davis sui prodotti McDonald's

McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità

Di McDonald’s non si smette mai di parlare e sparlare. Negli ultimi tempi il famoso brand del settore fast food è stato protagonista di due differenti tipologie di comunicazione: da una parte “cavia” dell’esperimento di Sally Davis sull'”eterna giovinezza” dei suoi prodotti, dall’altra dall’altra protagonista sempre più convinto della campagna a favore delle tradizioni alimentari “locali” e, in particolar modo, del Made in Italy con Mozzarillo.

L’ETERNA GIOVINEZZA DI HAMBURGER E PATATINE McDONALD’s

Da una parte, dunque, Sally Davis osserva e documenta 137 giorni di vita di un Happy Meal scoprendo che poco o nulla cambia con il passare del tempo: niente muffe, nessun sintomo (a parte il colore della carne) di decomposizione.
La giustificazione per quella che sembra una stranezza orribile, trattandosi di cibo, pare non stia esclusivamente nella quantità di conservanti presenti negli alimenti, bensì nel quantitativo di grassi che questi contengono: il 50% circa. Il grasso renderebbe carne, patatine e panino praticamente impermeabile e dunque poco ghiotto per muffe e batteri (che evidentemente sono più furbi di noi 🙁 ).

Esperimento fotografico di Sally Davis sui prodotti McDonald's

Fonti: Il Post, il sito di Sally Davis

L’ATTENZIONE AL MADE IN ITALY DI McDONALD’s

Sul versante opposto del fronte comunicativo, McDonald’s si propone come azienda attenta alle specificità locali – ricordate i vari McItaly e simili? -, e dunque come sostenitore del Made in Italy e della qualità: nasce Mozzarillo, il McBurgen con mozzarella (100% latte italiano dalla forma studiata appositamente per non dover essere tagliata), salsa di basilico e pomodoro racchiusi nel panfocaccia cosparso di origano. L’operazione dovrebbe portare benefici economici all’Italia così com’è stato con l’aumento delle esportazioni di Parmiggiano Reggiano DOP, Asiago e Pancetta della Val Venosta contenuti nei precedenti McItaly.

Fonti: A Bagnomaria, McDonald’s website

INCOERENZE DI BRAND?

A questo punto, cos’è McDonald’s? Un marchio attento alla qualità degli alimenti che distribuisce oppure l’ennesimo fast food dispensatore di cibo-spazzatura? Qual è la sua brand promise?

Il famoso brand americano sembra volersi allontanare dalle prerogative e dai valori del fast food, utilizzando prodotti e alleadosi con brand (o percepiti come tali quali il Made in Italy) che producano associazioni positive e trasmettano l’attenzione alla “qualità”. Allo stesso tempo, pare non avere coraggio o volontà di fare in modo che questo cambiamento sia radicale, che effettivamente produca un miglioramento generalizzato della qualità degli alimenti utilizzati nella catena.

In una situazione come questa si rischia di peggiorare la reputazione di brand a causa della poca chiarezza e coerenza dei valori che esso propone, apparendo come marca “falsa” e “inaffidabile”.
A mio avviso, il maggior rischio lo corre in ogni caso chi accosta la propria immagine a McDonald’s: siamo sicuri che i benefici economici che provengono dall’aumento delle esportazioni di alcuni alimenti sarebbero comunque convenienti qualora portassero ad una diminuzione della qualità percepita in relazione ai prodotti esportati? Siamo convinti che questo faccia bene al Made in Italy e non ne snaturi le caratteristiche?

Secondo me occorrerebbe riflettere meglio prima di creare queste commistioni, voi che ne pensate?

19 commenti
  1. few
    few dice:

    il bello e’ che tutti criticano McDonald, e poi e’ la prima catena di ristoranti per fatturato evidentemente qualcosa non quadra, e poi mi venite a dire della qualita’ quando le mozzarelle a napoli le bufale mangiano erba dove sotto e’ sepolta la diossina ma per cortesia !

  2. ale
    ale dice:

    Il mio quesito riguarda solo le motivazioni che inducono un fast food di successo a voler puntare a tutti i costi sul “valore della qualità”, non farebbe meglio a focalizzare la sua comunicazione su qualcosa di meno complesso, dati le sue vicende pregresse e gli attacchi a cui questa linea lo sottopone?

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] per alimenti – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – La tecnologia per […]

  2. […] e il recruitment per alimenti – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – La tecnologia per […]

  3. […] e il recruitment per alimenti – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – La tecnologia per […]

  4. […] augurare #Buongiorno alla propria timeline [anch'io non riesco a evitare questo piacevole rito!], McDonald’s ha deciso di creare #GoodMorningSTL, iniziativa ancora attiva in […]

  5. […] e di semplice lettura per mettere al corrente i propri clienti acquisiti e potenziali della qualità di ogni alimento utilizzato per preparare gli stra-noti Big Mac, McChicken e McRoyal Deluxe. Lo scopo principale […]

  6. […] e il recruitment per alimenti – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – La tecnologia per […]

  7. […] il primo corso di seduzione ai fornelli Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità Scoprire nuovi prodotti e nuovi sapori: M&M’s Pretzel Pupille e Papille: a cena al “Sasso […]

  8. […] http://www.alessandracolucci.com/2010/09/15/mcdonalds-cibo-spazzatura-ma-di-qualita/ swfobject.embedSWF("http://www.youtube.com/v/tIa2CK-bG7s&rel=0&fs=1&showsearch=0&showinfo=0", "vvq-261-youtube-1", "425", "344", "10", vvqexpressinstall, vvqflashvars, vvqparams, vvqattributes); No Comments » Fare clic qui per annullare la risposta. […]

  9. […] sempre McDonald’s non dimentica i suoi clienti più piccini regalando loro momenti indimenticabili ad ogni […]

  10. […] e il recruitment per alimenti – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – La tecnologia per […]

  11. […] su cui McDonald’s sta lavorando da tempo tra i suoi prodotti e l’attenzione alla qualità: quella degli ingredienti utilizzati, quella relativa alle modalità di preparazione degli stessi e […]

  12. […] sembra aver sviluppato una sorta di ossessione per la qualità: dopo aver puntato sul Made in Italy, sulla foodcultura e sul recruitment degli alimenti, dopo aver posto in evidenza la sua storia di […]

  13. […] a tale argomento un intero numero di Brand Care magazine, il n° 007 per l’esattezza. McDonad’s ha compreso appieno il fatto che la narrazione della storia e dei valori di un’azienda è […]

  14. […] corso di seduzione ai fornelli – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – Scoprire nuovi prodotti e nuovi sapori: M&M’s Pretzel – Pupille e Papille: a cena al […]

  15. […] corso di seduzione ai fornelli – Per gli spot di Happy Meal, McDonald’s usa l’animazione – McDonald’s: cibo spazzatura, ma… di qualità – Scoprire nuovi prodotti e nuovi sapori: M&M’s Pretzel – Pupille e Papille: a cena al […]

  16. […] Da notare che nell’Happy Meal di entrambi i bambini protagonisti degli spot, oltre alla sorpresa in regalo, ci sono latte e biscotti: niente hamburger, niente patatine fritte. Del tutto in linea con le sue ultime strategie. […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *