Ernesto Neto "While Nothing Happens" - © photo Alessandra Colucci

Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda

Sono già stata al MACRO – varie volte in verità – ed ora che hanno finalmente ultimato la nuova struttura ci son tornata.

IN ESPOSIZIONE AL MACRO: QUEL CHE HO VISTO STAVOLTA E CHE MI HA COLPITO

Ernesto Neto While Nothing Happens – fino al 12 giugno

Meravigliosa istallazione ottenuta usando lycra, legno e spezie. L’odore delle spezie era fortissimo (sconsigliata per chei ha intolleranze) e a me ha ricordato di quando “sgranavo l’origano” insieme a mio nonno, sul balcone della sua casa al mare, in Calabria.
Al mare rimanda anche la forma dell’opera: un incrocio tra una rete da pescatore e un’enorme medusa di mari lontani. Un bel viaggio tra le spiagge della memoria.

Ernesto Neto "While Nothing Happens" - © photo Alessandra Colucci

Dan Perjovschi The crisis is (not) over. Drowings and Dioramas – fino al 12 giugno

Muri stracolmi di pittogrammi e video in loop, affascinante. Intrigante come spiare in un taccuino di appunti a fumetti di un analista politico-economico fuor di senno.

Dan PerJovschi "Diorama of the Stochkolm Notebook" - © photo Alessandra Colucci

Antony Gormley Drawing Space – fino al 12 giugno

L’esposizione in cui potrete vedere come sarebbero i vostri scarabocchi in 3D, girarci intorno e dargli un senso: per me sono un alveare e un tornado, per voi?

Antony Gormeley "Drowing Space" - © photo Alessandra Colucci

Laboratorio Schifano – fino al 12 giugno

Un labirinto dalle pareti composte di foto, disegni, immagini ritoccate, appunti, schemi… come entrare nella mente di Mario Schifano per dare una sbirciata al turbine dei suoi processi creativi.

Laboratorio Schifano - © photo Alessandra Colucci

Sono rimasta affascinata anche da Odissea dell’Homo Sapiens di Mario Ballocco e No Trace di Beatrice Pediconi e Roberto De Paolis, ma queste due esposizioni sono state già sostituite. Qui le mostre in programma.

Mio malgrado concluderò questo post con una polemica: come si fa ad avvicinare tutti all’arte contemporanea (e all’arte in genere) se per entrare al museo ci vogliono 11 euro (9 euro per l’ingresso ridotto)?
Perché non riusciamo a fare come in altri Paesi dove l’ingresso ai musei, quantomeno alla collezione “stabile” è gratuito?
E se non “free”, che almeno si possa sottoscrivere una card o una sorta di abbonamento non proibitivo, no?
A me piacerebbe moltissimo passare un’ora del mio week-end o di un pomeriggio qualsiasi passeggiando tra le opere, anche quelle che ho avuto modo di vedere più volte, ma così mi sento costretta a darmi delle priorità e scegliere solo le mostre che non ho avuto modo di vedere.

Voi che ne dite?

Altro sull’arte contemporanea:
Ikea Forniture Art: tra arte contemporanea e servizio di assemblaggio
Lanzarote e i suoi paesaggi
Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la sciarpa
Quattro giorni da turista a Madrid
Roma e l’arte contemporanea: il Museo dell’Ara Pacis
Roma e l’arte contemporanea: il MACRO
Roma e l’arte contemporanea: il MAXXI
Dalla “merda d’artista” di Piero Manzoni a Creatives Are Bad
Firenze Contemporanea
Sole e relax a Barcellona
Nella sublime New York tra arte, brand e tanto freddo

7 commenti
  1. maurizio
    maurizio dice:

    Capitato per caso qui, piacevole visione e lettura, tono garbato. Condivido sui musei.
    Ciao

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Abruzzo e Umbria [con ricetta] – Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste – Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda – Lanzarote e i suoi paesaggi – Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni […]

  2. Pa ha detto:

    […] 2011 tra Abruzzo e Umbria [con ricetta] – Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste – Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda – Lanzarote e i suoi paesaggi – Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la […]

  3. Venezia vol. ha detto:

    […] 2011 tra Abruzzo e Umbria [con ricetta] – Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste – Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda – Lanzarote e i suoi paesaggi – Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la […]

  4. […] for visiting!Grazie al contest della No Cash Week, ho deciso di farmi un bel regalo per le mie “vacanze romane” (dato che partirò solo a ottobre). Quando finalmente il mio lavoro si degnerà di rallentare i […]

  5. […] anche: – Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda – Lanzarote e i suoi paesaggi – Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *