Panamericana School of Art Design - campagna pubblicitaria

Casualità, coincidenze e creatività

Uno degli assunti fondamentali dell’“essere creativi” consiste nel “riconoscere la validità degli eventi fortuiti”, delle coincidenze, delle casualità, degli errori, di quelle che inizialmente sembrano follie.

Anche questo è un manifestarsi del pensiero laterale: il pensiero tradizionale procede in una direzione, quella della logica sequenziale, poi ad un certo punto accade qualcosa di imprevisto, le riflessioni prendono un’altra direzione e si scopre qualcosa di nuovo… una sorta di lateral thinking indotto dal contesto.

Spesso gli sbagli, le anomalie delle cose che non vanno come ci si aspettava, fanno scattare nuove idee e intuizioni. Questo accade in quanto eventi del genere ci fanno uscire dai confini della “ragionevolezza” entro i quali siamo normalmente costretti a lavorare […]
L’apparente “pazzia”, fonte di creatività, si manifesta quando qualcuno se ne esce con un’idea che non rientra nel quadro dei paradigmi correnti. […]

Il primo insegnamento pratico è di prestare molta attenzione agli sbagli e alle anomalie, quando le cose non vanno come si spera. Il secondo aspetto riguarda l’uso intenzionale della provocazione. […] Le tecniche della provocazioneci consentono di essere pazzi, in maniera controllata, per trenta secondi alla volta.
In questo modo possiamo riuscire a superare quei confini, il cui superamento, altrimenti, dipenderebbe solo dal caso, da eventi fortuiti ed errori.

Essere creativi, Edward De Bono

Panamericana School of Art Design - campagna pubblicitaria
Yes, there is still time. / Sì, c’è ancora tempo
Panamericana Art And Design School
[via]

Questa campagna pubblicitaria creata per la Panamericana Art And Design School si fonda proprio sul saper riconoscere gli eventi fortuiti tenendo inoltre ben presente che non è mai troppo tardi per imparare ad essere creativi.
La realizzazione dei tre visual espressione di tale concept riescono a metterne in risalto il messaggio senza che sembri essere un monito, un rimprovero, bensì con leggerezza e comprensione, come si converrebbe sempre in un contesto formativo.

Altro sulla creatività:
Semplice, complesso e complicato
Brand Care magazine n° 009 – ovvero – Intersezioni tra community e creatività
IKEA e Paul “The Chair”: follia o pensiero laterale?
Langara College: comunicare la formazione con creatività
Brand e comunità creative: il resoconto dell’evento
Masticare con creatività: da Renault Clio & Nokia a Mint Z passando per Vivident Blast
“Da dove vengono le buone idee?”, una RSA di Steven Johnson
Dalla newsletter ai pomodori gratinati
Copywriter: workflow e creatività
Creatività e raccolta differenziata
Kaizen e aziende – ovvero – Creatività, miglioramento e… social media
Dalla “merda d’artista” di Piero Manzoni a Creatives Are Bad
Cosa fa uno “strategic planner”?
Essere creativi
Innovare e connettere per superare la crisi

5 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] creatività per la formazione – Un caffè lungo come un romanzo… con MasterCard – Casualità, coincidenze e creatività – Semplice, complesso e complicato – Brand Care magazine n° 009 – ovvero – […]

  2. […] creatività per la formazione – Un caffè lungo come un romanzo… con MasterCard – Casualità, coincidenze e creatività – Semplice, complesso e complicato – Brand Care magazine n° 009 – ovvero – […]

  3. […] della Door Step School a me pare straordinaria: utilizzando il pensiero laterale, l’ONG è riuscita a fare, di una pratica diffusa tra gli analfabeti quanto potenzialmente […]

  4. […] avevo previsto di parlare di qualcos’altro, ma ho dovuto rimandare per una serie di coincidenze. Parlando di Google plus su Twitter ho saputo che @lettrice ha aperto un account G+ per Asia, il […]

  5. […] brand, rispecchiandone le caratteristiche valoriali, ma sarà comunque necessario utilizzare la creatività, il pensiero laterale e le new entry nei cataloghi di gadgettistica per evitare di essere banali: […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *