The 9 types of collaborators - infographic

Personal brand: la scelta dei collaboratori

Il personal brand è importante non solo per chi è alla ricerca della prima occupazione o di un nuovo lavoro, ma anche – e forse soprattutto – per chi lavora per sé. Per consulenti e imprenditori è molto importante essere consapevoli non solo delle proprie competenze e capacità e di quelle necessarie a eccellere nel settore prescelto, ma anche di quelle dei propri collaboratori che sempre incideranno – almeno in parte – sulla loro reputation e su quella della loro attività.

La scelta dei collaboratori – che siano dipendenti, soci o altri consulenti con cui si condividono alcuni progetti non fa molta differenza – è fondamentale per la personal reputation e per la propria identità di brand. In ogni progetto, che l’output del lavoro sia di elevata qualità, che venga consegnato nei tempi previsti, che ogni dettaglio sia accuratamente predisposto difficilmente dipende da una persona sola. Nella maggior parte dei casi si tratta di mettere a punto una produzione collettiva in cui ogni singolo individuo coinvolto è responsabile almeno in parte del risultato finale e da questo ognuno non può prescindere.
E attenzione, collaboratori poco gratificati possono incidere negativamente sul risultato quanto quelli poco competenti.

Partendo dal presupposto che i collaboratori solitamente svolgono attività più o meno diverse da quelle di cui è responsabile chi li seleziona, una delle cose più importanti per consulenti e imprenditori al fine di poter effettuare una scelta ponderata e consapevole è sicuramente conoscere – quantomeno nei punti essenziali – in cosa consiste il lavoro del proprio collaboratore, che competenze e capacità occorrono per portarlo avanti al meglio, quali sono le caratteristiche imprescindibili che deve avere l’output finale… ma anche quali sono i tempi minimi e le necessità a cui si deve provvedere affinché il collaboratore possa svolgere adeguatamente il suo ruolo e la sua attività.
Se non si ha la più pallida idea di cosa comporti e come si debba più o meno svolgere un certo lavoro sarà impossibile comprendere se questo sarà stato portato a termine in maniera adeguata in relazione agli obiettivi stabiliti e ai presupposti forniti.

Conoscere attività, competenze e capacità legate a un certo progetto non vuol dire necessariamente saperlo fare: io non ho mai neppure aperto un programma di grafica, ma mi è assolutamente chiaro in cosa consiste l’ideazione di un marchio, quali sono le caratteristiche che lo renderanno marchio, quali sono i tempi minimi di lavoro, quali le informazioni e gli strumenti necessari per poter procedere… so distinguere tra un grafico eccellente, uno mediocre e uno “finto”, tra un marchio e un non-marchio.

A seconda della tipologia di lavoro che si deve delegare è anche utile saper “leggere” i collaboratori, saperne comprendere le personali attitudini perché, oltre a competenze e capacità, anche la motivazione che li spinge a svolgere una certa professione ha un peso non indifferente quando si mette a punto la propria scelta. A mio avviso, infatti, è sempre meglio lavorare con un entusiasta con buone capacità e competenze e con poca esperienza piuttosto che con un guru annoiato.

Trovo che l’infografica qui sotto [clicca sull’immagine per ingrandirla] offra interessanti spunti sui quali riflettere in relazione ai membri del proprio network: sicuramente non esaustiva quanto divertente, ci dà modo comunque di avere una piccola base di partenza per iniziare ad analizzare le varie tipologie di collaboratori che fanno parte del nostro team e di quanto ognuno sia funzionale alla messa a punto del nostro “progetto collettivo”, qualunque esso sia.

The 9 types of collaborators - infographic
[via]

Nel mio network di collaboratori fortunatamente non ci sono solisti, né dinosauri, né scettici… qualcuno ogni tanto fa il ninja, ma la depurazione da queste negative figure ha comportato grandi dispendi di tempo e pazienza. 🙂
E voi con chi collaborate? Il vostro team vi rappresenta? Il vostro network come contribuisce alla vostra reputation?

Altro sul personal brand:
Personal brand: recruiting on social network [infografica]
Personal brand e personal blog: SEO di base
Personal brand e personal blog: l’uso del colore
Personal brand e personal blog: layout e piattaforma [infografica]
Personal brand e personal blog: naming e contenuti [infografica]
Personal brand: e-mail etiquette [infografica]
Personal brand: essere professionisti felici [infografica]
Personal brand: come riuscire a NON farsi assumere e come invece condurre un colloquio [infografica]
Personal brand: CV e creatività in infografica
Vuoi diventare un Brand Manager? Iscriviti al Master IED in Brand Management del 2012
Personal Branding: siamo quel che condividiamo… anche su Twitter [infografica]
Oggi è il mio #Tweetcompleanno – ovvero – 365 giorni di Twitter tra follie e microblogging
Condividere momenti informali fa bene alle relazioni professionali: la mia intervista a Donna Impresa
CV e giornali che parlano
La prossemica, il “personal space” e la business class KLM
Usate i (social) media in modo appropriato, please!
La verità su cosa ci motiva professionalmente in una RSA animata
Progetta il tuo futuro: 8 ore di corso piacevolmente volate
Reputazione e vendite – ovvero – la mia intervista su “Vendita Referenziata”
Oggi è il mio Blogcompleanno – ovvero – Un anno di connessioni tra idee
“Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato
“Progetta il tuo futuro”: corso di personal branding e business plan
Il cane che ha compreso l’importanza del personal branding
Twoorl – tutte le statistiche per il tuo account Twitter
Follow Friday – Il #FF di @alebrandcare con motivazioni e brevi commenti
Il marketing personale e… la mia intervista
Whohub: fare business networking utilizzando un’intervista
Personal Branding: The Brand called You
Condivisione e Iuoghi di lavoro: il Coworking
Le mie strategie di Social Networking – Facebook e FriendFeed
Le mie strategie di Social Networking – Follow me on Twitter
Le mie strategie di Social Networking – Profilo LinkedIn: aggiornato
Sono laureata in Scienze della Comunicazione
Essere creativi
Feng Shui in ufficio per aumentare benessere e produttività
Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo
Perché questo blog

3 commenti
  1. Generatore (Elena)
    Generatore (Elena) dice:

    Interessante…

    Io ed il http://generatorediefficienza.wordpress.com siamo tornati operativi parlando proprio di questo!

    Queste sono le prime lessons:
    1 – http://generatorediefficienza.wordpress.com/2011/10/25/come-scegliere-e-farsi-scegliere/
    2 – http://generatorediefficienza.wordpress.com/2011/11/25/personal-branding-lesson-2/

    ti invito a non perdere la prossima “lezione”.. ti anticipo già che si può collegare con questo tuo post!

    Buon week end!

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Personal brand: la scelta dei collaboratori Per consulenti e imprenditori è molto importante essere consapevoli non solo delle proprie competenze e capacità e di quelle necessarie a eccellere nel settore prescelto, ma anche di quelle dei propri collaboratori che sempre incideranno – almeno… Source: http://www.alessandracolucci.com […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *