Georgia O'Keeffe in mostra a Roma

I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma

Georgia O'Keeffe in mostra a RomaFino al 22 gennaio 2012 chi si troverà a Roma potrà decidere di andare a vedere la strabiliante mostra dedicata a Georgia O’Keeffe presso la Fondazione Roma Museo a Palazzo Cipolla. Io ci sono stata e – con non poche difficoltà nel tradurle a parole – cercherò di condividere le emozioni che le sue tele mi hanno trasmesso.

Avevo visto una mostra fotografica dedicata a Georgia O’Keeffe a New York: alcuni scatti di Stieglitz, alcuni autoscatti dell’artista – quasi tutti nudi – e un paio di tele. Già lì la sua grazia e l’amore per la vita che le forme lasciavano trasparire mi avevano toccato profondamente.
La mostra romana a lei dedicata mi ha rapito per oltre due ore e mi ha lasciata senza parole per diverse ore successive, con gli occhi pieni di colori e forme tanto stimolanti da essere quasi dolorosi.

Questi gli appunti presi, non potendo fare delle fotografie, durante il mio girovagare tra le sue opere:

Intensi i suoi dipinti: per sua stessa ammissione i nudi son nudi non quanto i paesaggi, non quanto gli avocado, le calle o le foglie di granturco… Né quanto le forme semplici e nette, sature e sinuose anche quando rette, delle sue figure astratte.

A mio avviso donna di grande fascino, bella ed enigmatica, Georgia O’Keeffe nei suoi ritratti fotografici ha sempre uno sguardo limpido e brillante come il cristallo, dallo sguardo come dai suoi quadri si direbbe di grande profondità sensibilità, intelligenza e allegria: anche se le fotografie son tutte in bianco e nero e i suoi abiti sembra avessero dei colori tenui, personalmente la percepisco composta da allegre e contrastanti nuance, proprio come le sue tele.

Meravigliosamente plastiche le sue tre opere scultoree. Solo tre in tutta la vita. Quella dedicata alla madre in particolare è così avvolgente e piena di grazia da commuovere.

La sua “fase dei teschi di cavallo” è quella che meno preferisco a livello visivo rispetto alle rappresentazioni totalmente astratte, alle raffigurazioni cittadine o paesaggistiche e ai suoi splendidi fiori e frutti, ma in ogni caso ne apprezzo l’idea e ne trovo esilarante l’ironia che l’artista utilizza nel ritrarre quelle che non appaiono più essere testimonianze di morte, bensì di vita, una vita che il deserto nasconde o depreda.

Molto bravi i curatori che hanno scelto non solo di esporre le opere, ma anche di ricrearne i contesti in cui sono state concepite ed esposte: New York e la Fifth Avenue delle gallerie d’arte ricostruita nella sua essenza, Lake George così tanto verde da diventarlo troppo – a un certo punto – per la pittrice e il New Mexico con l’hacienda che la O’Keeffe tanto ha desiderato e il cui acquisto tanto l’ha fatta penare.

Vi consiglio vivamente – se non lo avete già fatto – di visitare la mostra: sicuramente ne uscirete diversi, arricchiti e più creativi.
Fatemi sapere se ho avuto ragione! 🙂

Leggi anche:
Mini-ferie in ottobre a Salonicco
“Finte” ferie agostane 2011 tra Abruzzo e Umbria [con ricetta]
Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste
Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda
Lanzarote e i suoi paesaggi
Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la sciarpa
Turista 2.0 – le mie strategie per vacanze brevi e low cost
Quattro giorni da turista a Madrid
Roma e l’arte contemporanea: il Museo dell’Ara Pacis
Roma e l’arte contemporanea: il MACRO
Roma e l’arte contemporanea: il MAXXI
Firenze Contemporanea
Sole e relax a Barcellona
Nella sublime New York tra arte, brand e tanto freddo

5 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. Alessandr ha detto:

    […] anche: – I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma – Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda – Campanilismo e questioni […]

  2. […] a desiderarne l’acquisto facendo leva sulla voglia di vivere avventure estreme, stavolta nel deserto. Per aumentare ancor di più il suo appeal decide di creare e regalare ai suoi clienti una […]

  3. […] gusto – Roma e l’arte contemporanea: il Palazzo delle Esposizioni – A Foligno con Smartbox – I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma – Mini-ferie in ottobre a Salonicco – “Finte” ferie agostane 2011 tra Abruzzo e Umbria [con […]

  4. Riflessi in mo ha detto:

    […] un salto al centro di Roma presso la Galleria Ecos, luogo in cui troverete esposte opere dall’estetica soave che così vengono presentate dal comunicato stampa: La mostra presenta insieme le opere di Misa […]

  5. […] anche: – I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma – Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda – Campanilismo e questioni identitarie […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *