Dress code - via Brian O'Meara

Personal brand: dress code e co-branding

Ansia da dress code per i nuovi incontri professionali? A mio avviso è utile pensare a tale questione come al bilanciamento tra la brand identity personale e quella dell’interlocutore, che sia un possibile cliente o un potenziale datore di lavoro [che poi, secondo i miei parametri, è più o meno lo stesso]. In sintesi si tratta di un co-branding.

N.B. Molti vi consiglierebbero semplicemente di usare il completo e la cravatta o un classico tailleur, magari subito dopo inserendo una bella infografica di sintesi sulle cose da evitare, ma non è più l’unica risposta dato che se andaste vestiti così a un colloquio con Google o con la Pixar, avrei molti dubbi sul fatto che il lavoro sarebbe vostro…

Dress code - via Brian O'MearaRiflettevo su una quetione: sembra che sia diffusa la proccupazione di come andar vestiti a un colloquio di lavoro da parte di chi è alla ricerca del primo o di un nuovo impiego, mentre pare meno sentita l’ansia da “right look” da parte di professionisti per il primo appuntamento con un nuovo contatto. Probabilmente molti penseranno che tale percezione vari soprattutto in base all’esperienza, elemento che permette di acquisire sicurezza tanto rispetto alle proprie competenze e capacità, quanto in relazione al proprio modo di interagire. Sicuramente l’esperienza incide almeno in parte, ma è la consapevolezza di sé e dell’altro a fare veramente la differenza.

Partendo dall’assunto che curare il proprio personal brand vuol dire – come spesso ho ricordato – conoscersi, acquisire consapevolezza di sé, delle proprie caratteristiche peculiari, dei propri punti di forza e di debolezza… e farlo sistematizzando le riflessioni che intuitivamente tutti sono portati a fare, avendo un metodo ben preciso per portarle avanti, stabilendo in maniera consapevole e dettagliata come rendere esplicito ai nostri interlocutori ciò che è positivo, cercando di superare, modificare, smussare (ma non di nascondere) ciò che lo è meno. Ovvero, tendere al miglioramento continuo di sé.

Un brand – che appartenga a un’azienda o a una persona – corrisponde sempre a una promessa che si deve poter mantenere. Molto importante diviene, dunque, operare delle scelte – anche nel dress code – che ci rappresentino realmente. Nel proprio modo di vestire, di mangiare, di parlare e di scrivere, così come nella foto dei profili sui social media o nel layout del proprio personal blog… occorre essere riconoscibili, raccontarsi: inutile mettere un serio tailleur o la cravatta quando, se lo si indossa non ci si sente sé stessi. Esporre sinceramente quel che si è è il primo passo per costruire una reputazione che nessuno potrà rovinare e una promessa che non potrà essere disattesa dato che corrisponderà al vero.

Allo stesso tempo, però, tali dinamiche hanno bisogno di essere declinate a seconda della situazione: quando ci si propone per un certo posto di lavoro ovvero ci si presenta a un nuovo potenziale cliente solitamente ciò avviene perché si ritiene di poter essere l’individuo che tale azienda sta cercando, la soluzione alle questioni che essa si pone e anche il modo di vestirsi può contribuire (o meno) a creare l’empatia necessaria a spingere l’interlocutore a condividere il suo progetto con la persona che ha di fronte.

Come procedere dunque? Trattando il nuovo lavoro come un caso di co-branding.

Innanzitutto è bene informarsi su chi incontreremo e sull’eventuale azienda che rappresenta: con quale personal brand e corporate brand entreremo in contatto e cercheremo di stringere una partnership professionale? Qual è il sistema valoriale che racchiude? Tali valori che ha sono compatibili con i nostri?
Secondo me sarà rispondendo a tali domande che apparirà chiaro cosa indossare al primo incontro e sarà qualcosa che metta in risalto visivamente la nostra disponibilità a trovare un compromesso tra le rispettive identità di brand rispondendo al dress code che la situazione necessita “riletto” almeno in parte attraverso il proprio personalissimo stile [ovviamente evitando gli eccessi], non credete?

Altro sul personal brand:
Personal brand: la scelta dei collaboratori
Personal brand: recruiting on social network [infografica]
Personal brand e personal blog: SEO di base
Personal brand e personal blog: l’uso del colore
Personal brand e personal blog: layout e piattaforma [infografica]
Personal brand e personal blog: naming e contenuti [infografica]
Personal brand: e-mail etiquette [infografica]
Personal brand: essere professionisti felici [infografica]
Personal brand: come riuscire a NON farsi assumere e come invece condurre un colloquio [infografica]
Personal brand: CV e creatività in infografica
Vuoi diventare un Brand Manager? Iscriviti al Master IED in Brand Management del 2012
Personal Branding: siamo quel che condividiamo… anche su Twitter [infografica]
Oggi è il mio #Tweetcompleanno – ovvero – 365 giorni di Twitter tra follie e microblogging
Condividere momenti informali fa bene alle relazioni professionali: la mia intervista a Donna Impresa
CV e giornali che parlano
La prossemica, il “personal space” e la business class KLM
Usate i (social) media in modo appropriato, please!
La verità su cosa ci motiva professionalmente in una RSA animata
Progetta il tuo futuro: 8 ore di corso piacevolmente volate
Reputazione e vendite – ovvero – la mia intervista su “Vendita Referenziata”
Oggi è il mio Blogcompleanno – ovvero – Un anno di connessioni tra idee
“Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato
“Progetta il tuo futuro”: corso di personal branding e business plan
Il cane che ha compreso l’importanza del personal branding
Twoorl – tutte le statistiche per il tuo account Twitter
Follow Friday – Il #FF di @alebrandcare con motivazioni e brevi commenti
Il marketing personale e… la mia intervista
Whohub: fare business networking utilizzando un’intervista
Personal Branding: The Brand called You
Condivisione e Iuoghi di lavoro: il Coworking
Le mie strategie di Social Networking – Facebook e FriendFeed
Le mie strategie di Social Networking – Follow me on Twitter
Le mie strategie di Social Networking – Profilo LinkedIn: aggiornato
Sono laureata in Scienze della Comunicazione
Essere creativi
Feng Shui in ufficio per aumentare benessere e produttività
Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo
Perché questo blog

4 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. Ale ha detto:

    […] mai pensato a come sarebbe il mondo senza tessuti e morbidezza? A come sarebbe arduo vestirsi e fare anche le cose più banali? Ho avuto modo di riflettervi per la prima volta grazie a uno […]

  2. Una ha detto:

    […] visiting!Avete mai pensato a come sarebbe il mondo senza tessuti e morbidezza? A come sarebbe arduo vestirsi e fare anche le cose più banali? Ho avuto modo di riflettervi per la prima volta grazie a uno […]

  3. […] performance live. Un modo di ottenere il posizionamento desiderato, modellando i propri valori sul personal brand di un’icona […]

  4. […] Personal brand: dress code e co-branding Ogni nuovo incontro professionale è un co-branding. . Source: http://www.alessandracolucci.com […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *