Balasso testimonial

Il marketing del lusso secondo… Natalino Balasso

I divertenti quanto cinici video di Natalino Balasso spiegano alla “gente comune” [lui li chiama “poveracci” 🙁 ] le dinamiche del marketing del lusso e il perché le aziende che producono oggetti costosissimi si posizionano anche sui media generalisti, ovvero le differenze che si possono riscontrare tra i vari livelli di prezzo di uno stesso servizio.
Balasso per supportare il suo ragionamento utilizza due case histories: la Mercedes SLS AMG e i servizi Frecciarossa delle Ferrovie dello Stato.

MERCEDES SLS AMG

Il video Mercedes ha uno stile molto pubblicitario, gli inserti tratti dallo spot della SLS e le immagini “di repertorio” sono intrecciate con il monologo di Balasso in maniera esemplare, nonostante la voluta enfasi sulla scadente qualità tecnica. Ogni immagine che non ritrae il comico è inserita in modo da enfatizzare il contenuto del suo discorso, ogni taglio di montaggio ne sottolinea un passaggio, ogni immagine è di supporto alle sue parole.

Personalmente trovo il video Mercedes esilarante e, nonostante la mia anima “markettara”, non riesco a dar torto a Balasso: ovvio che il comico esageri in cinismo e usi continuamente delle iperboli spesso linguisticamente sgradevoli per innescare l’effetto satirico, ma impossibile negare che il le dinamiche del marketing del lusso si basino sulla creazione di un desiderio diffuso e condiviso anche da target per i quali risulta inarrivabile e irrealizzabile… e da lì all’invidia spesso ilpasso è breve! 😉

FERROVIE DELLO STATO

Il video Frecciarossa è costruito su uno stile più informativo, reso immediatamente chiaro grazie alla suddivisione “in capitoli” coincidenti con i servizi da presentare. Qui la satira è innescata inizialmente dalle metafore associate alle denominazioni delle “classi di viaggio” e messa in risalto dalle successive iperboli utilizzate per la descrizione dei servizi che mette alquanto in ridicolo quelli che il brand in questione reputa dei “plus” che producono la differenza di prezzo del biglietto.

A mio avviso meno divertente, incisivo e sagace del video Mercedes, il promo Frecciarossa riesce comunque a creare empatia con lo spettatore anche perché può sfruttare la diffusa esperienza diretta della marca: ogni spettatore avrà viaggiato in treno almeno una volta e purtroppo si può presumere che almeno una volta avrà avuto di ché lamentarsi in quanto è opinione comune che il brand Frecciarossa crei aspettative che sovente vengono disattese al momento dell’erogazione del servizio.

CONCLUDENDO

Nonostante i due video siano stati crati palesemente a scopo intrattenitivo, sicuramente contengono delle critiche al sistema pubblicitario e mediatico in relazione all’atteggiamento di queste due come di altre marche nei confronti del consumatore, consumatore non ancora considerato abbastanza competente per leggere, comprendere e tutelarsi rispetto ai meccanismi del marketing.

Personalmente ritengo – come ho già avuto modo di scrivere in altri post, come quello dedicato al prosumer – che il consumatore sia invece sempre più informato e “alfabetizzato” rispetto al linguaggio pubblicitario, che (grazie soprattutto al web) si siano diffuse notevoli abilità nella lettura e interpretazione delle logiche di marketing utilizzate per concepire gli spot: è anche per questo che i branded content e i social media, dalla comunicazione più trasparente e meno focalizzati sul bisogno di aumentare la propensione all’acquisto di una merce quanto invece rivolti alla creazione di uno scambio tra il brand e il suo pubblico, siano il futuro della comunicazione di marca.

Leggi anche:
Il brand è una proiezione mentale che passa anche dal naming
Brand e storytelling: raccontare il proprio business
Il cliente non ha sempre ragione
Brand is everywhere – la mia lectio magistralis allo IED Open for Master
Branding: la pubblicità fa la differenza (?)
Come scegliere il gadget giusto per il proprio business [infografica]
Vuoi diventare un Brand Manager? Iscriviti al Master IED in Brand Management del 2012
Il target, questo sconosciuto – ovvero – Non limitiamoci all’ovvio
“IED is More” – La mia lectio magistralis sulla “Whole Brand Reputation” per il Master in Brand Management
CORPORATE 2.0: Aziende e Social Media
Kaizen e aziende – ovvero – Creatività, miglioramento e… social media
Acquisti d’impulso – ovvero – Riflessioni sulle albicocche secche
Personal Branding: The Brand called You
La civiltà dell’empatia: dagli esperimenti sulle scimmie al branding
Il Brand è una promessa
Connettere piuttosto che collezionare: riflessioni a partire da de Kerckhove
Whole Brand Reputation
Il prosumer da Radio Alice al Web 2.0
Cosa fa uno “strategic planner”?
Strutturare il portafoglio di marca
Piccolo glossario sul brand
Strategie di brand extension
Rischi e benefici del co-branding
Branding e accordi tra imprese
Marketing, brand e ruolo del cliente
L’ufficio stampa e il suo lavoro
La distribuzione come alleato di brand
Leve di marketing: la DISTRIBUZIONE
Tattiche di prezzo
Il prezzo perfetto
Leve di marketing: il PREZZO (e il brand)
Comunicazione: B2B e B2C
Comunicazione di prodotto/servizio
Comunicare “corporate”
Comunicazione e posizionamento di brand
Creare contenuti di brand è più efficace della pubblicità
Brand evolution: restyling del marchio
Il coordinato aziendale: biglietti da visita e carta intestata
Il marchio e le sue caratteristiche
Strumenti di lavoro: il brief
Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo
Video aziendali e Youtube
L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale
Perché creare un “corporate blog”
L’archivio e il museo d’impresa per costruire valore
Comunicare la storia d’impresa: l’heritage marketing
Analisi e definizione del vantaggio competitivo
Le basi della comunicazione aziendale
Eventi: da strumento a business
Da grande voglio lavorare in pubblicità
Guerrilla marketing: cos’è e come si usa
Innovare e connettere per superare la crisi
Brand building per una marca carismatica

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] e ricaricabile semplicemente collegandola a una qualsiasi presa elettrica, Opel ha ingaggiato un testimonial d’eccezione: […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *