Alessandra Colucci in "You are your words"

Personal brand: siamo fatti di cultura e linguaggio

Siamo fatti di cultura e linguaggio: le parole che si sceglie di utilizzare, i concetti che esse esprimono e le modalità in cui esse vengono veicolate, la prossemica e la gestualità contribuiscono a creare la percezione che si ha rispetto a un individuo, dunque sono parte del personal brand.

Vi siete mai chiesti come è possibile che di alcune persone si riesca a intuire immediatamente provenidenza e professione? Sicuramente indovinare “da dove viene” qualcuno non può dipendere solo da considerazioni legate al suo aspetto fisico che spesso attraverso alcune caratteristiche somatiche può dare degli indizi, così come avere un’idea del lavoro che fa non può derivare solo da intuizioni connesse al suo modo di vestire: in molti casi tali percezioni sono legate all’uso della lingua, al punto di vista che esprime e al comportamento che contestualizza tale comunicazione.

Il modo di scegliere i termini e di costruire le frasi, l’utilizzo di gerghi professionali, le inflessioni dialettali, l’intonazione che si usa nel parlare, ma anche le idee, i concetti e i valori che il liguaggio – sia scritto che parlato – esprime ovvero le implicite regole di prossemica che si rispettano e i gesti che accompagnano il discorso concorrono alla costruzione della percezione di una persona, del suo carattere e dello stato d’animo in cui si trova in un certo momento, di quelle che sono le sue capacità e competenze, della formazione e provenienza culturale

Le abitudini linguistiche [sia gergali che gestuali], infatti, sono spesso legate e dunque cambiano a seconda del contesto in cui ci si trova, alla tipologia di interlocutore a cui ci si rivolge e allo strumento di comunicazione che si adopera: ognuno manda una serie di messaggi impliciti – oltre che espliciti – attraverso scelta del proprio comportamento durante una interazione e averne consapevolezza è oltremodo utile quando si ha cura del proprio personal brand.

Interessante – a tal proposito – l’iniziativa “You Are Your Words” dell’American Heritage Dictionary che, per lanciare la sua quinta edizione invogliando al passaparola in Rete, ha creato un sito web in cui gli utenti possano traformare il proprio ritratto fotografico in modo che rappresenti il loro modo di utilizzare la lingua.

Alessandra Colucci in "You are your words"

Basta caricare il proprio ritratto o usare una webcam per scattarsi una foto istantaneamente, connettere l’applicazione a Facebook o Twitter, ovvero scrivere un testo ad hoc da copiare nell’apposito riquadro e settare pochi parametri grafici: si ottiene così la versione “word-based” dell’immagine scelta che è poi possibile condividere sui social network o semplicemente conservare per riflettere sull’uso che si fa ndella propria lingua. 🙂

Altro sul personal brand:
Personal brand e (social) networking [Ded. to @AlessandroFont ]
Self branding e personal branding: Giorgio, cucciolo di musicista
Brand e storytelling: raccontare il proprio business
Personal brand: dress code e co-branding
Personal brand: la scelta dei collaboratori
Personal brand: recruiting on social network [infografica]
Personal brand e personal blog: SEO di base
Personal brand e personal blog: l’uso del colore
Personal brand e personal blog: layout e piattaforma [infografica]
Personal brand e personal blog: naming e contenuti [infografica]
Personal brand: e-mail etiquette [infografica]
Personal brand: essere professionisti felici [infografica]
Personal brand: come riuscire a NON farsi assumere e come invece condurre un colloquio [infografica]
Personal brand: CV e creatività in infografica
Vuoi diventare un Brand Manager? Iscriviti al Master IED in Brand Management del 2012
Personal Branding: siamo quel che condividiamo… anche su Twitter [infografica]
Oggi è il mio #Tweetcompleanno – ovvero – 365 giorni di Twitter tra follie e microblogging
Condividere momenti informali fa bene alle relazioni professionali: la mia intervista a Donna Impresa
CV e giornali che parlano
La prossemica, il “personal space” e la business class KLM
Usate i (social) media in modo appropriato, please!
La verità su cosa ci motiva professionalmente in una RSA animata
Progetta il tuo futuro: 8 ore di corso piacevolmente volate
Reputazione e vendite – ovvero – la mia intervista su “Vendita Referenziata”
Oggi è il mio Blogcompleanno – ovvero – Un anno di connessioni tra idee
“Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato
“Progetta il tuo futuro”: corso di personal branding e business plan
Il cane che ha compreso l’importanza del personal branding
Twoorl – tutte le statistiche per il tuo account Twitter
Follow Friday – Il #FF di @alebrandcare con motivazioni e brevi commenti
Il marketing personale e… la mia intervista
Whohub: fare business networking utilizzando un’intervista
Personal Branding: The Brand called You
Condivisione e Iuoghi di lavoro: il Coworking
Le mie strategie di Social Networking – Facebook e FriendFeed
Le mie strategie di Social Networking – Follow me on Twitter
Le mie strategie di Social Networking – Profilo LinkedIn: aggiornato
Sono laureata in Scienze della Comunicazione
Essere creativi
Feng Shui in ufficio per aumentare benessere e produttività
Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo
Perché questo blog

3 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] La casa editrice portoghese Book.it cercava un’idea low budget per promuovere il proprio stand presso la Fiera del Libro di Lisbona di quest’anno organizzando un’attività di direct marketing che potesse invogliare i visitatori a recarsi presso la propria postazione: a tal fine, cosa c’è di meglio del regalare un ritratto? […]

  2. […] Via http://www.alessandracolucci.com Share this:TwitterLinkedInPinterestTumblrLike this:LikeBe the first to like this post. […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *