World Design Capital Helsinki 2012

KAUKO: far comprendere l’importanza del design

Il concetto di design è spesso assimilato a qualcosa di superfluo e costoso. In realtà il design è da identificarsi principalmente con la ricerca di soluzioni ottimali in ralazione a specifiche esigenze. In occasione del World Design Capital Helsinki 2012 di  si è cercato di diffondere tale concetto “pragmatico” di design creando KAUKO, una caffetteria molto speciale.

L’idea del World Design Capital 2012 di Helsinki era quella di mostrare alle persone poco o per nulla interessate al design che in realtà esso serve a rendere più funzionali o in qualche modo migliori le cose – che siano oggetti o servizi – che quindi il design è ovunque, che ha effetti sulle persone e sulla quotidianità e che chiunque poteva avere l’opportunità di condizionarne le evoluzioni condividendo le proprie idee attraverso la app mobile appositamente creata dagli organizzatori del World Design Capital.

Per raggiungere tale obiettivo si è pensato di costruire KAUKO, una caffetteria mobile per metà area relax e per metà area caos, da posizionare in spazi pubblici in giro per la Finlandia. La particolarità di tale struttura riguardava, non solo gli oggetti dal pessimo design che essa conteneva e che rendevamno difficilissime anche le azioni più semplici, ma anche la possibilità per molti oggetti di essere controllati da remoto, in tempo reale utilizzando il web.

Questo mix di elementi ha dato vita tanto a esperienze molto divertenti quanto a veri e propri incubi, ma ha sicuramente reso possibile una grande visibilità al World Design Capital 2012 attirando l’attenzione dei media e spingendo alla cooperazione tantissime persone che hanno condiviso le proprie idee.


[via]

Un gran successo, insomma: dovremmo organizzare qualcosa di altrettanto creativo per “educare” le persone al design di strategie, non credete?

Leggi anche:
Il cliente non ha sempre ragione
Un calendario per gli appassionati di modellini
Nuovi modi di progettare un sito web: con i Lego
BIC kids vs Replay – memorie creative
L’importanza della creatività per la formazione
Un caffè lungo come un romanzo… con MasterCard
Casualità, coincidenze e creatività
Semplice, complesso e complicato
Brand Care magazine n° 009 – ovvero – Intersezioni tra community e creatività
IKEA e Paul “The Chair”: follia o pensiero laterale?
Langara College: comunicare la formazione con creatività
Brand e comunità creative: il resoconto dell’evento
Masticare con creatività: da Renault Clio & Nokia a Mint Z passando per Vivident Blast
“Da dove vengono le buone idee?”, una RSA di Steven Johnson
Dalla newsletter ai pomodori gratinati
Copywriter: workflow e creatività
Creatività e raccolta differenziata
Kaizen e aziende – ovvero – Creatività, miglioramento e… social media
Dalla “merda d’artista” di Piero Manzoni a Creatives Are Bad
Cosa fa uno “strategic planner”?
Essere creativi
Problem solving alla Bruno Munari per Pyrex
Innovare e connettere per superare la crisi
La soluzione al lusso? Il design IKEA.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *