Alcatraz Delivery - campagna lancio

Alcatraz… take away con consegna a domicilio!

LaSexa, emittente televisiva spagnola, voleva organizzare qualcosa di speciale in occasione del lancio del loro prodotto di punta della stagione: la serie TV “Alcatraz”. L’agenzia pubblicitaria Leo Burnett ha pensato bene di stupire gli spettatori a casa “consegnando a domicilio” l’esperienza del carcere: così è nata Alcatraz Delivery, cibo da prigione take away con tanto di call centre e “ragazzo” per le consegne.

Direttamente dalla prigione a casa tua: sembra essere questo il motto dell’iniziativa “Alcatraz Delivery”. Un modo geniale per mettere in atto tutti i principi basilari dell’experiential branding, riuscendo a calare il pubblico nel “mood” della serie senza neanche dover abbandonare il divano.


[via]

Energumeni dall’aspetto poco raccomandabile, dalla voce gracchiante e dai modi eufemisticamente definibili come sgarbati: dal cuoco ai “ragazzi delle consegne” [addirittura scortati dalla polizia], sino al packaging del cibo e – ovviamente – al menu, è tutto perfettamente studiato per riproporre le atmosfere del calcere più famoso degli Stati Uniti d’America.

Oltre al “fantastico” pasto da carcerato, all’interno del packaging consegnato a domicilio è stato possibile trovare un bel magnete da frigo da tenere come memo per non perdersi la fiction in televisione e il “dossier confindenziale” contenente tutte le informazioni riguardanti il “caso”.

L’iniziativa è stata veicolata attraverso la classica pubblicità per cibi da asporto infilata nella cassetta della posta e via web, grazie a un sito internet anch’esso in linea con lo stile del resto della comunicazione. L’ordine poteva essere effettuato da chiunque sia telefonicamente che online, ma per garantire il passaparola, i più importanti blogger specializzati in serialità televisiva e diversi giornalisti hanno ricevuto una consegna omaggio, riuscendo a ottenere ben 4,8 milioni di spettatori la sera della prima TV.

Altro sulla cucina
Altro sulla creatività:
Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta
Per sopravvivere al deserto, mangia la guida! [Land Rover]
Comunicare il proprio business con il coordinato per ufficio: due esempi
Film, mostri, fiabe, principesse e… cemento
Festa della mamma: 8 o 13 maggio?
Improvvisa voglia di pizza? Ora c’è il VIP Fridge Magnet di Red Tomato Pizza
Personal Brand: il mio biglietto da visita > Semino idee… e le trasformo in strategie
My compilation: 33 anni in 33 giri
Il micro-progetto Giovani Sognatori Creativi e la mia intervista su CreativaSolidale
Goldfish Awards: pubblicità stereotipate per guadagnare tempo e partecipare al festival
Ne avete abbastanza delle feste, ma non della follia? Ecco il rimedio.
Folli feste a tutti!
Un calendario per gli appassionati di modellini
Oreo e il riciclo delle briciole
Vuoi diventare un Brand Manager? Iscriviti al Master IED in Brand Management del 2012
Nuovi modi di progettare un sito web: con i Lego
Buon Ferragosto… che siate a “Ostia beach” o alle Maldive
BIC kids vs Replay – memorie creative
L’importanza della creatività per la formazione
Un caffè lungo come un romanzo… con MasterCard
Casualità, coincidenze e creatività
Semplice, complesso e complicato
Brand Care magazine n° 009 – ovvero – Intersezioni tra community e creatività
IKEA e Paul “The Chair”: follia o pensiero laterale?
Langara College: comunicare la formazione con creatività
Brand e comunità creative: il resoconto dell’evento
Masticare con creatività: da Renault Clio & Nokia a Mint Z passando per Vivident Blast
“Da dove vengono le buone idee?”, una RSA di Steven Johnson
Dalla newsletter ai pomodori gratinati
Copywriter: workflow e creatività
Creatività e raccolta differenziata
Kaizen e aziende – ovvero – Creatività, miglioramento e… social media
Dalla “merda d’artista” di Piero Manzoni a Creatives Are Bad
Cosa fa uno “strategic planner”?
Essere creativi
Innovare e connettere per superare la crisi

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] trascorsi senza fumo. Il linguaggio utilizzato per tenere il conto è simile a quello adoperato dai carcerati poiché il brand, utilizzando un po’ di ironia, ha scelto tale metafora per visualizzare il […]

  2. […] + heritage marketing] – Uomo vs. Mucca: gara non-sense di masticata [Ded. to #Gilda35 ] – Alcatraz… take away con consegna a domicilio! – Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta – Il marketing del lusso […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *