Albert Dali - campagna pubblicitaria multisoggetto

Brand & naming

Il naming è importante per un brand come per un suo prodotto, Albert Dali coglie nella sua ironica campagna pubblicitaria multisoggetto alcune delle “controindicazioni” che possono derivare da una scelta poco accurata del nome di un’azienda.

Albert Dali - campagna pubblicitaria multisoggetto
[via]

Un nome spesso è come un diamante: è per sempre. Non è sempre facile decidere o comunque predisporne il cambiamento senza rischiare gravi danni alla propria riconoscibilità e visibilità nei confronti del target acquisito. La scelta del nome è dunque qualcosa che occorre ponderare bene e affidare a qualcuno di competente che non dimentichi di considerare nulla durante la ricerca per la sua definizione.

Spesso la scelta di un nome inadeguato per un’azienda, un prodotto, un servizio, in generale per un brand, deriva infatti semplicemente dal sottovalutare la difficoltà che vi è in tale tipologia di creatività. Molti non riescono realmente a percepire quante variabili occorra considerare contemporaneamente durante il processo di ideazione di un nome per qualcosa.

A cosa è associato? Un’azienda, un prodotto, un servizio, un evento?…
Servirà depositare il nome come logomarchio? Ha le caratteristiche legali e formali per esserlo?…
A cosa dovrebbe far pensare? All’attività dell’azienda? Ai suoi valori? Al suo mercato? Allecaratteristiche dei suoi prodotti?…
Chi lo dovrà pronunciare? E da chi dovrà essere compreso? Attraverso quali mezzi di comunicazione verrà veicolato?…
Dovrà essere acquistato un dominio con lo stesso nome? Quali estensioni sono ancora acquistabili?…

Moltissime sono le domande a cui deve rispondere il creativo chiamato portare avanti la fase del naming, domande che persone non esattamente specializzate potrebbero non conoscere o non intuire. Dato che il nome è ciò che i clienti utilizzeranno di più per richiamare alla mente il vostro brand, siete proprio sicuri di volerlo estrarre a sorte tra le proposte a voi pervenute in seguito al lancio di un contest interno alla vostra organizzazione e lasciar decidere al caso? Pensateci bene! 😉

Leggi anche:
Quanto odiate la pubblicità?
Personal Branding Day: il resoconto dell’evento dal mio punto di vista
Comunicare il proprio business con il coordinato per ufficio: due esempi
Master IED in Brand Management: il resoconto di “Brand @ Work”
Personal Brand: il mio biglietto da visita > Semino idee… e le trasformo in strategie
Da azienda a network di professionisti: il mio punto di vista
Self Brand & Personal Brand: il mio punto di vista
Il marketing del lusso secondo… Natalino Balasso
Goldfish Awards: pubblicità stereotipate per guadagnare tempo e partecipare al festival
Il brand è una proiezione mentale che passa anche dal naming
Brand e storytelling: raccontare il proprio business
Il cliente non ha sempre ragione
Brand is everywhere – la mia lectio magistralis allo IED Open for Master
Branding: la pubblicità fa la differenza (?)
Come scegliere il gadget giusto per il proprio business [infografica]
Vuoi diventare un Brand Manager? Iscriviti al Master IED in Brand Management del 2012
Il target, questo sconosciuto – ovvero – Non limitiamoci all’ovvio
“IED is More” – La mia lectio magistralis sulla “Whole Brand Reputation” per il Master in Brand Management
CORPORATE 2.0: Aziende e Social Media
Kaizen e aziende – ovvero – Creatività, miglioramento e… social media
Acquisti d’impulso – ovvero – Riflessioni sulle albicocche secche
Personal Branding: The Brand called You
La civiltà dell’empatia: dagli esperimenti sulle scimmie al branding
Il Brand è una promessa
Connettere piuttosto che collezionare: riflessioni a partire da de Kerckhove
Whole Brand Reputation
Il prosumer da Radio Alice al Web 2.0
Cosa fa uno “strategic planner”?
Strutturare il portafoglio di marca
Piccolo glossario sul brand
Strategie di brand extension
Rischi e benefici del co-branding
Branding e accordi tra imprese
Marketing, brand e ruolo del cliente
L’ufficio stampa e il suo lavoro
La distribuzione come alleato di brand
Leve di marketing: la DISTRIBUZIONE
Tattiche di prezzo
Il prezzo perfetto
Leve di marketing: il PREZZO (e il brand)
Comunicazione: B2B e B2C
Comunicazione di prodotto/servizio
Comunicare “corporate”
Comunicazione e posizionamento di brand
Creare contenuti di brand è più efficace della pubblicità
Brand evolution: restyling del marchio
Il coordinato aziendale: biglietti da visita e carta intestata
Il marchio e le sue caratteristiche
Strumenti di lavoro: il brief
Comunicare il brand: l’ufficio e il suo arredo
Video aziendali e Youtube
L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale
Perché creare un “corporate blog”
L’archivio e il museo d’impresa per costruire valore
Comunicare la storia d’impresa: l’heritage marketing
Analisi e definizione del vantaggio competitivo
Le basi della comunicazione aziendale
Eventi: da strumento a business
Da grande voglio lavorare in pubblicità
Guerrilla marketing: cos’è e come si usa
Innovare e connettere per superare la crisi
Brand building per una marca carismatica

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *