The LEGO Story - heritage marketing + storytelling

Lego: storytelling e heritage marketing in 3D

 

Oltre ad avermi regalato moltissimi momenti indimenticabili dell’infanzia [e non solo, in verità 😀 ], Lego è un brand che non smette mai di stupire i suoi fan, sia dal punto di vista produttivo che da quello comunicativo: nuove opportunità di sfruttare i mattoncini Lego per realizzare e stimolare la propria creatività vengono prodotte a ciclo continuo dall’azienda e i contenuti della sua comunicazione sono spesso [se non sempre] straordinari.

Qualche settimana fa, in occasione dei festeggiamenti per il suo 80° anno di attività, Lego ha deciso di guardarsi indietro, di recuperare e raccontare il proprio passato in formato audiovisivo e, per riuscire a sorprendere ancora una volta, lo ha fatto confezionando un bellissimo cartone animato in 3D.

La scelta di creare un cartone animato, lo stile della narrazione assolutamente da fiaba raccontata dalla nonna al bambino, i colori pastellati e la semplicità della composizione delle immagini come dei contenuti della narrazione dimostra quanto Lego tenga a condividere la propria storia anche con i più piccoli, poiché sin da piccolissimi si può essere suoi fan [essenzialmente da quando si smette di provare a ingoiare qualsiasi cosa 😉 ].

L’utilizzo del 3D, la costruzione della voce narrante come quella dell’ultimo degli eredi Lego, il sottolineare che il brand continua a lavorare con l’obiettivo di “permettere ai bambini [e non solo] di esplorare, esprimere ed esperire la propria creatività”, fa dell’azienda uno dei brand più innovativi e lanciati verso gli scenari futuri.

Il recupero del proprio passato come valore aggiunto in ottica heritage marketing e lo sviluppo di azioni di storytelling ed empatia per comunicare, senza contare lo spazio dato alle nuove tecnologie in altre campagne e nelle strategie quotidianamente implementate, fanno di Lego anche uno dei brand che meglio interpreta le tecniche di relazione e interazione con i propri clienti.

Altro sullo storytelling
Altro sull’heritage marketing:
La “vera” storia di Twix [storytelling + heritage marketing]
Il Tennis Italiano, Compeed e l’album di figurine in ottica heritage marketing
Telecom Italia e l’heritage marketing che sorprende
Vendere rarità provenienti dal passato [Found]
The New Yorker: web puzzle tra heritage marketing e branded content
Fanwagen: scegli e personalizza social; vinci heritage
McDonald’s tra storytelling e heritage marketing
Analisi di brand e strategie di heritage marketing a partire da un agrume: Chin8Neri
Birra Castello e l’heritage marketing “al contrario”
Nintendo DS e la Londra dei primi del ’900
Heritage e Facebook: la Slovacchia del 1939 e le persecuzioni razziali
Anche con i social media si può fare heritage marketing
HELLY HANSEN: un altro modo di fare heritage marketing
Strategie di heritage marketing anche per Chinò
L’archivio e il museo d’impresa per costruire valore
Comunicare la storia d’impresa: l’heritage marketing
Non esiste un unico modo di essere “i migliori”. Il vantaggio competitivo sostenibile dalla teoria alla… birra [Peroni]
Birra Peroni, la birra nazionale italiana: da “Carosello” all’heritage marketing. Intervista a Fabrizio Contardi

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] sullo storytelling Altro sull’heritage marketing: – Lego: storytelling e heritage marketing in 3D – La “vera” storia di Twix [storytelling + heritage marketing] – Il Tennis Italiano, Compeed e […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *