Band-Aid brand entertainment

Branded content in corsia per Band-Aid

Anche se non mi era ancora capitato di scriverne, è molto tempo che Band-Aid utilizza i branded content per veicolare la propria identità di marca e il proprio universo valoriale, solitamente dedicandosi soprattutto a creare “servizi a valore aggiunto” per i più piccoli in modo da distrarli dal dolore quando è necessario ricorrere ai medicamenti – i più noti sono i cerotti – del noto marchio.

A differenza delle precedenti iniziative, per la sua ultima campagna pubblicitaria Band-Aid ha creato due video [o almeno io ne son riuscita a recuperare solo due] che senza ombra di dubbio possono essere “catalogati” come branded content, ma che stavolta sono pensati per intrattenere e divertire i non più bambini.

I due video potrebbero essere due puntate di una web serie del tipo “medical drama”, una più spinta verso la commedia, l’altra di certo appartenente al genere musical, ma entrambe caratterizzate dalla spiccata ironia, dalla riproposizione di dialoghi e situazioni farsesche, il tutto condito da un pizzico di non-sense e toni eccessivi.


[via]

Lo spettatore tipo è sicuramente un adulto – ai bambini servirebbe qualche spiegazione per seguire e comprendere lo sviluppo del plot narrativo – e con altrettanta certezza lo si vuol attrarre e coinvolgere con qualcosa che, pur rimandando alla marca, non vuol essere il “solito” spot pubblicitario Band-Aid, bensì un’opera di brand entertainment: il divertimento, lo storytelling e una buona architettura narrativa seriale, l’approccio ludico quanto creativo, sono sempre delle buone armi per raggiungere target sovrastimolati dai messaggi promozionali. 😉

Altro sui branded content:
IKEA, branded content e nuovo catalogo
Imparare l’inglese con Google Chrome [branded content]
– Nesquik e le torte come branded content
– Lavatrici finite male by Maccio Capatonda in collaborazione con Calgon [branded content]
– Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta
– Gulf News aggiunge un plus al caffè di Tim Hortons: le notizie dell’ultima ora
– Il tuo epitaffio? Crealo con l’app per Facebook
– Svegliarsi con il caffè [letteralmente] grazie a un’app
– Ne avete abbastanza delle feste, ma non della follia? Ecco il rimedio.
– The New Yorker: web puzzle tra heritage marketing e branded content
– Mix tra pubblicità comparativa e brand entertainment per Casa Coop
– Catalogo IKEA 2012: focus on small spaces
– App Malboro per social smoker – ovvero – Come “scroccare” una sigaretta senza irritare nessuno
– IKEA ora mette ordine anche nei computer
– Dalla newsletter ai pomodori gratinati
– Creare contenuti di brand è più efficace della pubblicità
– L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale

3 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] a quattro colori – Klippbok: diventa un interior designer con IKEA [app per iPad] – Branded content in corsia per Band-Aid – IKEA, branded content e nuovo catalogo – Imparare l’inglese con Google Chrome […]

  2. Gus&Ben: brande ha detto:

    […] pennone BIC a quattro colori – Klippbok: diventa un interior designer con IKEA [app per iPad] – Branded content in corsia per Band-Aid – IKEA, branded content e nuovo catalogo – Imparare l’inglese con Google Chrome [branded […]

  3. […] pennone BIC a quattro colori – Klippbok: diventa un interior designer con IKEA [app per iPad] – Branded content in corsia per Band-Aid – IKEA, branded content e nuovo catalogo – Imparare l’inglese con Google Chrome [branded […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *