Domino's Pizza - campagna pubblicitaria

Gli zombie o la SWAT ti consegnano la pizza? Forse hai ordinato da Domino’s

Domino’s Pizza lancia un nuovo servizio di delivery in modo che chi vuole possa vedersi consegnare a domicilio, non solo la pizza, ma anche il film da guardare mentre la si mangia. La campagna pubblicitaria creata in tale occasione è un avvincente esercizio stilistico di branded content sui film di genere.

Qualora vi capitasse di vedervi consegnare la pizza da un folto gruppo di zombie affamati o da un intero reparto SWAT, sempre che riusciate a sopravvivere allo shock e manteniate calma e sangue freddo, riflettendo vi tornerebbe in mente che avete ordinato da Domino’s Pizza aderendo al nuovo servizio di delivery che, oltre le cibarie, si sarebbe incaricato di portarvi a casa anche il film da guardare con gli amici.

La nuova campagna multisoggetto del noto brand risulta essere un’azione di puro brand entertainment basato sulla sineddoche che vede il concetto di “cinema” sostituirsi a quello “di film”: è un vero e proprio set cinematografico completo di comparse perfettamente calate nella parte a raggiungere il cliente Domino’s con i cartoni contenenti la pizza ordinata a domicilio e il film di genere che gli si è voluto associare. Peccato che il malcapitato cliente lo riesca a scoprire solo alla fine dello spot, dopo il terribile spavento causato dal terribile contesto da cui è stato circondato. Solo alla fine, infatti, la troupe si palesa: fonici, macchinisti, lo staff della regia e della direzione della fotografica emergono dai propri nascondigli fuori dal set e iniziano a scherzare con gli attori che, da terribili zombie e poliziotti in assetto antisommossa, dopo il “cut” di fine scena si trasformano in entusiasti figuranti.


[via]

Perfetta la regia, godibile il contrasto tra il “prima” e il “dopo” la consegna della pizza, meravigliosa la faccia del cliente Domino’s quando dal completo relax della quotidianità si ritrova “nel” film, nonché il suo sorriso stirato quando inizia a rendersi conto che si tratta di una montatura. Bello! Non so se riuscirei a mangiare la pizza di Domino’s, ma sicuramente la ordinerei per vedere se succede veramente! 😉

Altre campagne pubblicitarie

Altro sui branded content:
Sull’organizzazione dell’agenda – ovvero – Encomio del pennone BIC a quattro colori
– Klippbok: diventa un interior designer con IKEA [app per iPad]
– Branded content in corsia per Band-Aid
– IKEA, branded content e nuovo catalogo
– Imparare l’inglese con Google Chrome [branded content]
– Nesquik e le torte come branded content
– Lavatrici finite male by Maccio Capatonda in collaborazione con Calgon [branded content]
– Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta
– Gulf News aggiunge un plus al caffè di Tim Hortons: le notizie dell’ultima ora
– Il tuo epitaffio? Crealo con l’app per Facebook
– Svegliarsi con il caffè [letteralmente] grazie a un’app
– Ne avete abbastanza delle feste, ma non della follia? Ecco il rimedio.
– The New Yorker: web puzzle tra heritage marketing e branded content
– Mix tra pubblicità comparativa e brand entertainment per Casa Coop
– Catalogo IKEA 2012: focus on small spaces
– App Malboro per social smoker – ovvero – Come “scroccare” una sigaretta senza irritare nessuno
– IKEA ora mette ordine anche nei computer
– Dalla newsletter ai pomodori gratinati
– Creare contenuti di brand è più efficace della pubblicità
– L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale

4 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Playing noughts and crosses to figure it out is not necessary anymore because Daiya sushi bar seems to offer the right solution to anyone who are in that kind of evening and mood: their delivery service. […]

  2. A vacuum clean ha detto:

    […] rhythm, perfect timing, these commercials are branded contents – hilarious and surely unforgettable. Have you ever had a moment like one of these? Have you […]

  3. […] creatività e pensiero laterale al fine di rendere partecipi i propri potenziali acquirenti di esperienze uniche, che hanno attratto la loro attenzione e li hanno stupiti quanto […]

  4. […] o raffiguranti malconci zombie da […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *