Liwa Advertising - direct marketing

Voglia di branded content [direct marketing]

Liwa Advertising, comprendendo la grande efficacia dei branded content come strumento strategico di comunicazione della marca, ha pensato bene di ampliare la propria offerta inserendovi la creazione di contenuti seriali per il brand e, per incentivare i propri clienti a commissionarle progetti di questo tipo, ha messo a punto una campagna di direct marketing molto persuasiva.

Liwa Advertising ha evidentemente compreso l’importanza dei branded content come strumento dello storytelling di marca basato su format narrativi sempre più lunghi rispetto a quelli dello spot e spesso seriali. Al fine di incentivarne la richiesta da parte dei propri clienti e di sottolineare l’appeal di questo strumento di branding, ha inviato loro il contenitore vuoto di una “pizza” cinematografica.

Attraverso il packaging vuoto di una pellicola, l’azienda voleva sicuramente sottolineare il passaggio dalla produzione audiovisiva in celluloide destinata alle sale cinematografiche, a quella in digitale adatta ormai a qualsiasi tipologia di mezzo di comunicazione adatti alla visione di video: da un supporto molto costoso e dunque elitario, a una tecnologia che rende i prodotti audiovisivi sicuramente più economici, attualmente senza una necessaria rinuncia alla qualità della ripresa.

Liwa Advertising - direct marketing
[via]

Da questa metafora, ovviamente, l’enfasi da parte della Lowa cade sul fatto che il cliente possa ottenere un valore maggiore con un minore investimento, spingendolo a considerare i formati lunghi e seriali propri delle strategie di branded content come strumenti di comunicazione alla portata praticamente di ogni tasca.

Originale modo dal messaggio furbetto per informare i clienti di un nuovo servizio offerto, non trovate?

Altro sul direct marketing

Altro sui branded content:
Missione Oreo: separare la crema dal biscotto
– Gli zombie o la SWAT ti consegnano la pizza? Forse hai ordinato da Domino’s
– Sull’organizzazione dell’agenda – ovvero – Encomio del pennone BIC a quattro colori
– Klippbok: diventa un interior designer con IKEA [app per iPad]
– Branded content in corsia per Band-Aid
– IKEA, branded content e nuovo catalogo
– Imparare l’inglese con Google Chrome [branded content]
– Nesquik e le torte come branded content
– Lavatrici finite male by Maccio Capatonda in collaborazione con Calgon [branded content]
– Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta
– Gulf News aggiunge un plus al caffè di Tim Hortons: le notizie dell’ultima ora
– Il tuo epitaffio? Crealo con l’app per Facebook
– Svegliarsi con il caffè [letteralmente] grazie a un’app
– Ne avete abbastanza delle feste, ma non della follia? Ecco il rimedio.
– The New Yorker: web puzzle tra heritage marketing e branded content
– Mix tra pubblicità comparativa e brand entertainment per Casa Coop
– Catalogo IKEA 2012: focus on small spaces
– App Malboro per social smoker – ovvero – Come “scroccare” una sigaretta senza irritare nessuno
– IKEA ora mette ordine anche nei computer
– Dalla newsletter ai pomodori gratinati
– Creare contenuti di brand è più efficace della pubblicità
– L’ “house organ” ovvero perché creare una rivista aziendale

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] mio quinto articolo su Comunicando – Gus&Ben: branded content anche per Misura – Voglia di branded content [direct marketing] – Missione Oreo: separare la crema dal biscotto – Gli zombie o la SWAT ti consegnano […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *