Donald's Market - campagna pubblicitaria

Verdure e vestiti – ovvero – Donald’s Market e la corretta alimentazione

Donald’s Market è riuscito a scovare la connessione, nella sua ultima campagna pubblicitaria, tra le verdure e i vestiti che si restringono o infeltriscono. Vi sembra strano? Continuate a leggere! 😀

Per promuovere l’abitudine a una corretta alimentazione presso il suo target statunitense, Donald’s Market ha pensato bene di svelare un incredibile mistero che pare connettere l’assenza di verdure nel proprio menu quotidiano con l’infeltrimento e il restringimento dei propri capi d’abbigliamento. Al claim “Vegetables keep your clothes from shrinking” [trad. ita. “Le verdure preservano i tuoi vestiti dal restringersi“] viene associata una simpatica illustrazione che vede protagonista un panciuto uomo calvo in procinto di mangiare noodles direttamente di fronte al frigorifero semi-aperto abbigliato con un maglioncino a rombi e un pantalone con la coulisse che fanno veramente una gran fatica a contenerne le abbondanti forme.

Con grande ironia e una punta di comicità, Donald’s Market riesce a trasferire al proprio pubblico l’importanza del consumo di verdure durante i pasti, abitudine base di una corretta alimentazione che porta a ridurre – spesso drasticamente – le calorie ingerite e, dunque, a compiere un primo passo verso l’eliminazione dei chili di troppo.

La catena di supermercati per inviare il proprio messaggio non usa moniti e non punta sul senso di colpa, bensì decide di spostare l’attenzione dalla pancia sovrabbondante al maglione eccessivamente striminzito ottenendo il risultato di far passare lo stesso concetto permettendo all’interlocutore di percepirlo come positivo poiché non si sentirà accusato del proprio sovrappeso, “colpa” dei vestiti che “senza verdure” si restringono.

Donald's Market - campagna pubblicitaria
[via]

Un modo creativo – solo il pensiero laterale rende possibile il punto di vista proposto da Donald’s Market – quanto cortese per portare all’attenzione della propria clientela una regola del corretto atteggiamento da mantenere nei confronti del cibo, non credete?

Altre campagne pubblicitarie

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] incorporando in esso un’occasione di consumo o una “scusa” per placare il senso di colpa che sovente coglie chi compra […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *