Smart - campagna direct marketing

Come fa una Smart a entrare in una buca delle lettere? [direct marketing]

Smart stupisce i suoi potenziali clienti spagnoli che vivono in grandi centri urbani parcheggiandosi nelle loro buche delle lettere: una campagna di direct marketing sorprendente quanto relativamente economica.

Smart non smentisce la propria creatività nell’ideare strategie di brand atte a veicolare il vantaggio competitivo del suo prodotto di punta. Conoscendo bene il proprio target primario, ovvero gli abitanti delle città, da sempre stressati dalla necessità di trovare parcheggio nelle affollatissime strade metropolitane, ovviamente Smart ha pensato bene di puntare sul proprio cavallo di battaglia: la vettura concepita dalla ormai nota casa automobilistica si può parcheggiare praticamente ovunque.

Per ribadire questo semplice concetto rinnovando la propria promessa con fermezza, appeal e creatività, Smart ha deciso di investire un piccolo budget nell’organizzazione di un’azione di direct marketing rivolta agli Spagnoli dei grandi centri urbani. Si è dunque stabilito di creare una riproduzione tridimensionale della Smart in cartoncino e grazie a una tecnologia strabiliante quanto semplice – un elastico – si è fatto in modo che, una volta infilata nella cassetta della posta, il cartone piegato si distendesse e riacquistasse il proprio volume. Una volta aperta la buca delle lettere, il destinatario vi avrebbe trovato – perfettamente parcheggiata al suo interno – il modellino di carta in 3D completa di sito e contatti a cui rivolgersi per ottenere maggiori informazioni.

Smart - campagna direct marketing
[via]

Una simpatica e strabiliante trovata, degna di un prodotto “smart”! 🙂

Altro sul direct marketing

Altro su Smart

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. Smart & Swee ha detto:

    […] caratteristiche salienti dell’universo valoriale del brand, nonché il proprio vantaggio competitivo, in modi originali e attraenti per il proprio target. Voi che ne […]

  2. Come risparmiar ha detto:

    […] accolto il manifesto e facendo tesoro dell’esperienza maturata nell’utilizzo del pensiero laterale, Smart è riuscita a concepire una creatività tanto semplice quanto d’appeal con un solo […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *