La Biennale di Venezia © Alessandra Colucci

Venezia vol. 3/5 [la Biennale: Giardini]

Questa è la terza puntata [sono 5 in tutto, siamo a più di metà!] delle mie finte-ferie agostane 2013 che hanno preferito l’arte contemporanea della 55° Biennale di Venezia [e non solo] alla tintarella presa su qualche spiaggia. Oggi leggerete il mio reportage della visita ai Giardini della Biennale, un luogo incantato in cui passeggiare è piacevolissimo.

In verità la tintarella l’ho presa lo stesso [anche se un po’ “da muratore”], andando in giro sotto il Solleone di Venezia in canotta e gonna da tennista [il mio out-fit estivo da turista] anche perché io per voi ho riorganizzato le mie peregrinazioni affinché fossero leggibili e intellegibili, ma il mio girovagare è stato ordinatamente caotico in modo da accompagnare ispirazione, orari di apertura e chiusura, ma anche semplicemente calura e ritmi biologici [a un certo punto anche ai più grandi appassionati vien fame!].

Del padiglione centrale dei Giardini vi consiglio di soffermarvi qualche istante in più di fronte ai bellissimi i dipinti di Lynette Yiadom-Boakye, soprattutto quelli raffiguranti splendide donne di colore, le cui figure che si dissolvono morbidamente nello sfondo senza per questo perdere di riconoscibilità; di sporgervi sulle teche e concentrarvi sui dettagli dei  meravigliosi i “Diari di Franz Kafka” creati da José Antonio Suàrez Londoño; di non dimenticare di leggere le didascalie [io ne ho tralasciate pochissime] delle 180 sculture in argilla cruda di Peter Fischli e David Weiss dalla pungente ironia mista a un’abilità non comune di “pensare laterale” [nelle foto “Il Dottor Spock guarda al suo pianeta natìo Vulcano ed è un po’ triste perché non può provare alcun sentimento” e “Due scimmie che non capiscono il mistero del monolite”].

Per quanto riguarda i padiglioni “nazionali” [che qui in particolare mi sembrava perdessero di senso dato che, per esempio, la Germania apriva con un’opera di un artista cinese], numerose son state per me le sorprese:

  • I Tedeschi, per l’appunto, mi hanno regalato la possibilità di ammirare, e rimaner tanto stupita quanto divertita da, la scultura completamente fatta di sgabelli di Ai Weiwei che “ingombrava” interamente l’ingresso del padiglione estendendosi sino al soffitto e lasciando appena qualche “buco” per sgusciar dentro e proseguire la visita
  • La Russia fonde arte concettuale e performance interrogandosi su vizi, virtù e valori a cui la società dovrebbe tendere: un’esposizione tanto accattivante e suggestiva, quanto cinica
  • Il padiglione della Repubblica Ceca e di quella Slovacca viene reso affascinante dall’opera di Petra Feriancovà  dal titolo “An Order of Things”: una carambola di quadri dalle mastodontiche dimensioniche si lascia ammirare solo in parte, scatenando negli individui più curiosi – come me – la voglia di sbirciare tra una cornice e l’altra per assaporarne tutti i dettagli
  • Suggestivo l’allestimento della Finlandia in cui l’artista Terike Haapoja “scompone” e “ricompone” la natura a suo piacimento: da vedere il video in cui mostra anche “come fa”, forse ancora più sorprendente delle sue opere
  • L’Ungheria propone una riflessione sulla guerra e gli ordigni inesplosi che, nella sua semplicità mette letteralmente i brividi: numerosi schermi sparsi per una stanza buia, sintonizzati ognuno sull’immagine di una bomba inesplosa associata a un sottofondo musicale o a suoni totalmente in contrasto con l’immagine, quali dolci melodie, risate o simili
  • Israele “romanza” con “The Workshop”, l’arrivo di Gilad Ratman e della sua cricca a Venezia [per comprenderne appieno la geniale creatività occorre dedicare qualche minuto a ogni video]
  • Imperdibile il padiglione Made in USA e le opere di Sarah Sze: una maniacale cura e precisione per la costruzione di “meccanismi e ingranaggi di caos” da osservare con attenzione
  • Il malfunzionamento dell’opera polacca mi ha profondamente deluso e il padiglione serbo non mi ha entusiasmato sinché non ho visto la scultura di Kaled Zaki in cui l’eleganza delle forme del bronzo [?] viene sfiorata dalla luce in un modo che fa rimanere senza respiro
  • Dell’esposizione egiziana, infine, non si finirebbe mai di osservare i volumi delle opere fotografate da Odires Mlàszho

Ovviamente anche ai Giardini, i padiglioni e le opere presenti erano molte, ma molte di più, ma se tornassi indietro e dovessi scegliere, queste assolutamente non vorrei perdermele: ecco qualche foto.

Se il mio reportage di viaggio su Venezia e la Biennale vi sta piacendo, mantenetevi occupati nel week-end rileggendo le prime tre puntate, in attesa di quella di lunedì: vi racconterò i padiglioni e gli eventi collaterali sparsi per la città che ho avuto modo di visitare e che vi consiglio! 😉

Leggi anche:
Venezia vol. 2/5 [la Biennale: Arsenale]
Venezia vol. 1/5 [economics di viaggio]
– Regalarsi un viaggio a Nizza
– Roma e l’arte contemporanea: il Macro Future e la Pelanda
– Bordeaux parte 3 – In assetto da turista: mostre, musei e luoghi d’arte
– Bordeaux parte 2 – In assetto da turista: l’arte e l’arte del vino
– Bordeaux parte 1 – Pupille & Papille: la città, l’hotel, il cibo e il vino
– Finte ferie a Catania in attesa di quelle vere
– A spasso per Firenze tra docenze, arte contemporanea ed esperienze di gusto
– Roma e l’arte contemporanea: il Palazzo delle Esposizioni
– A Foligno con Smartbox
– I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma
– Mini-ferie in ottobre a Salonicco
– “Finte” ferie agostane 2011 tra Abruzzo e Umbria [con ricetta]
– Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste
– Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda
– Lanzarote e i suoi paesaggi
– Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la sciarpa
– Turista 2.0 – le mie strategie per vacanze brevi e low cost
– Quattro giorni da turista a Madrid
– Roma e l’arte contemporanea: il Museo dell’Ara Pacis
– Roma e l’arte contemporanea: il MACRO
– Roma e l’arte contemporanea: il MAXXI
– Firenze Contemporanea
– Sole e relax a Barcellona
– Nella sublime New York tra arte, brand e tanto freddo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *