Antiseptica - handvertising

Handvertising: le mani come medium [Antiseptica]

Fantastica l’idea di Antiseptica-Home, produttore di soluzioni per l’igiene delle mani, che ha trasformato le mani stesse in un medium per veicolare il proprio messaggio. Occorrente: una maratona, qualche corridore, timbri e prodotti Antiseptica.

Antiseptica-Home aveva necessità di far conoscere i propri prodotti e voleva farlo entrando in contatto con i propri potenziali clienti regalando loro una reale esperienza del brand. Producendo tutto ciò che occorre per tenere le mani pulite, l’azienda era già consapevole del fatto che attraverso il contatto e le strette di mano ci si scambia un’enorme quantità di germi e voleva sensibilizzare il proprio target rispetto a tale problematica. Il brand ha dunque pensato di utilizzare per la sua campagna uno degli eventi in cui ci si scambia più “high five” in assoluto: la maratona, durante la quale è tradizione “battere il cinque” ai corridori mentre passano.

Antiseptica - handvertising
[via]

Durante la maratona di Amburgo, dunque, alcuni corridori “assoldati” da Antiseptica hanno indossato dei guanti speciali che sul palmo destro incorporavano un timbro e sol sinistro l’inchiostro per ricaricarlo: passando vicino alla folla ai bordi del percorso, i maratoneti Antiseptica hanno “lasciato il segno” su migliaia di persone ricordando loro quanti germi nasconde ogni piccolo contatto. Dopo il loro passaggio, le persone “timbrate e sensibilizzate” erano prontamente “soccorse” con i prodotti del brand per permettere loro di pulirsi e disinfettarsi. I risultati? Invidiabili, dato il budget irrisorio investito!

Complimenti ad Antiseptica per la creatività e per aver inventato l’handvertising! 🙂

Leggi anche:
Marabou: cioccolato con la scusa incorporata per placare il senso di colpa
IKEA: il prodotto come medium
Dillo con un… letto [IKEA]
La spesa in musica [ambient marketing]
Maionese Hellmann’s: lo scontrino si trasforma in ricetta
Gulf News aggiunge un plus al caffè di Tim Hortons: le notizie dell’ultima ora
Il luogo in cui si legge di più è il bagno… e c’è chi ne approfitta per ricordarci di leggere di più
Le istruzioni IKEA per assemblare la propria carriera professionale
“Enjoy the wait” – ovvero – Per ingannare l’attesa ti offro un libro
Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *