Gesù e i saldi di fine stagione - Bruno Ballardini

Gesù e i saldi di fine stagione di Bruno Ballardini [libro]

Di recente ho terminato la lettura di “Gesù e i saldi di fine stagione – Perché la Chiesa non vende più”, un’analisi di branding e marketing romanzata, scritta magistralmente da Bruno Ballardini riguardo una tra le marche più longeve della storia: la Chiesa cattolica.

Gesù e i saldi di fine stagione - Bruno BallardiniL’aspetto del libro che mi ha colpito di più è stato – come spesso mi accade – il punto di vista, soprattutto in relazione a un argomento così complesso da trattare come la religione, specie se si tratta – in Italia – di quella cattolica: Ballardini scrive di marketing, di strategie di marca, di mercato, di competitor interni ed esterni… e riesce a farlo senza apparire mai blasfemo, tenendo conto della delicatezza dell’argomento e delle sensibilità a esso collegate.

Sicuramente “Gesù e i saldi di fine stagione”, per un cattolico praticante, non è un libro semplice da digerire poiché necessità di una predisposizione mentale talmente aperta da poter ascoltare, immaginare e accogliere un punto di vista basato sull’applicazione estremizzata della figura retorica della metafora, senza che questo faccia scattare meccanismi inconsci di difesa dovuti alla relazione intimamente emotiva che inevitabilmente è legata a ogni concezione religiosa, poiché spirituale.

Se, però, ci si pone di fronte alla pubblicazione con la volontà di comprendere il nuovo punto di vista, il libro di Ballardini può essere una grande fonte di spunti di riflessione e piccole scoperte. L’autore, mostrando al lettore una differente prospettiva sulla Chiesa, lo fa riflettere sulla molteplicità dei punti di vista che è possibile abbracciare e di come – in base a quello che si sceglie – “le cose” possano variare nella loro interpretazione e significato; portando a termine una vera e propria “ricerca di mercato” sulle religioni, mette in evidenza quanto sia impossibile non considerare la comunicazione, il marketing e il branding come elementi imprescindibili di ogni dinamica sociale; raccontando la propria esperienza, dimostra che lo storytelling può rendere piacevole anche la lettura di un piano strategico.

In sintesi, ho apprezzato molto il libro – sia come case history che come romanzo – e ne consiglio la lettura, soprattutto a chi ha a che fare professionalmente con le marche poiché, oltre a una piacevole lettura, avrà la possibilità di “gustarsi” anche l’applicazione di teorie e pratiche di marketing su un brand che non può che essere affascinante, dato il suo successo nei secoli. 😉

Leggi anche:
La Befana e i flashback da libro [Gandhi Bookstores]
– Tennis, TV, trigonometria, tornado… – ovvero – il mio ottavo libro di David Foster Wallace
– L’amore per i libri secondo Floriano Bookstore
– Creatività e strumenti didattici: Carulla e il libro che si taglia
– Più lontano ancora di Jonathan Franzen [libro]
– Storia di un Corpo di Daniel Pennac [libro]
– Promuovere voli in libreria [British Airways]
– Shared Identities di Vincenzo Bernabei [presentazione del libro – 22 Febbraio]
– La Befana è intellettuale – ovvero – Un libro per chi ha fretta
– Riuso e arredo fai-da-te: E ora si IKrEA di Massimo Acanfora [libro]
– Come diventare sé stessi di David Lipsky – ovvero – Un libro su/di David Foster Wallace
– Marilyn Monroe testimonial per Libreriamo
– “Ultime notizie dal Sud” di Luis Sepúlveda [libro]
– Questa è l’acqua – ovvero – il mio settimo libro di David Foster Wallace
– Concorso Unilibro: Smonta e rimonta un libro!
– I libri non si buttano, MAI!
– Brevi interviste con uomini schifosi – ovvero – il mio sesto libro di David Foster Wallace
– La Befana e i libri
– Ammettilo, leggere ti piace!
– Cosa rende “libro” un libro?
– Ogni libro ti cambia un po’ la vita
– Leggere un buon libro non ha prezzo, per comprarlo c’è MasterCard – ovvero – IBS e i miei libri per l’estate
– “Momenti di trascurabile felicità” di Francesco Piccolo [e alcuni dei miei]
– Considera l’aragosta – ovvero – Il mio quinto libro di David Foster Wallace
– Il luogo in cui si legge di più è il bagno… e c’è chi ne approfitta per ricordarci di leggere di più
– Oblio – ovvero – Il mio quarto libro di David Foster Wallace
– Befana: calze colme di storie
– La scopa del sistema – ovvero – Il mio terzo libro di David Foster Wallace
– “Enjoy the wait” – ovvero – Per ingannare l’attesa ti offro un libro
– Una cosa divertente che non farò mai più – ovvero – Il mio secondo libro di David Foster Wallace
– “Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato
– Libri vs. e-book: dalla polemica alle risate
– Il mio primo libro di David Foster Wallace
– Leggere, scrivere, comunicare: riflessioni su un concorso di scrittura creativa
– Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] anche: – Libri per… smartphone addicted [Norlis Bookstore] – Audiolibri e creatività – Gesù e i saldi di fine stagione di Bruno Ballardini [libro] – La Befana e i flashback da libro [Gandhi Bookstores] – Tennis, TV, trigonometria, tornado… […]

  2. […] anche: – Gesù e i saldi di fine stagione di Bruno Ballardini [libro] – La Befana e i flashback da libro [Gandhi Bookstores] – Tennis, TV, trigonometria, tornado… […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *