Paris_vedute

Parigi a Marzo: l’arte

Il reportage del mio viaggio a Parigi continua. A questo punto non mi resta che farvi venir voglia di prenotare il primo volo raccontandovi delle meraviglie artistiche di cui mi son riempita gli occhi e che mi torneranno tanto utili durante le prossime “sedute di brainstorming” per l’ideazione di strategie di branding, fantastici spunti da dare in pasto al famelico pensiero laterale.

Come detto, a Parigi ero già stata diverse volte in passato e il bello in questi casi è che si attenua l'”ansia da prestazione turistica” che credo assalga praticamente tutti quelli che visitano per la prima volta una città così bella, così grande e così piena di cose da vedere: è vero che avevo a disposizione meno di 3 giorni, ma molte cose le avevo già viste e fatte, dunque ho potuto scegliere di concentrarmi su pochi dettagli e molto contesto.

Paris_vedute

Ho visitato nuovamente il Musée d’Orsay [che, tra l’altro, oggi gode di uno splendido marchio di una disarmante ed elegantissima semplicità] per il grande spazio che dà agli impressionisti, per la mostra dedicata a Van Gogh e per il focus sull’arredo in stile liberty [che mi fa impazzire!].
Ho visitato nuovamente il Centre Pompidou – anche detto Bebourg – perché l’arte contemporanea in mostra in uno dei musei che ho maggiormente amato non poteva essere tralasciata e per l’interessante esposizione delle foto scattate da Henri Cartier-Bresson [ah, vi ricordo che l’entrata è sulla piazza, se la fila che state facendo va verso il retro vuol dire che siete in coda per l’entrata in biblioteca: ve lo assicuro perché io ho inizialmente sbagliato fila! 🙁 ] e vi assicuro che in quella struttura le opere d’arte possono contare su un tocco di magia in più.

Henri Cartier-Bresson_fotografie

Poi ho “semplicemente” passeggiato.
Ho passeggiato sulla “rive gauche” della Senna osservando le bancarelle dei librai e i bateau-mouche che lenti mi superavano.
Ho passeggiato tra le strade del Quartiere Latino e di fianco a La Sorbonne meravigliandomi ancora per quanto sia enorme, sino ad arrivare a scorgere le guglie di Notre Dame da lontano e vederle a poco a poco rivelarsi da dietro i tetti.
Ho passeggiato costeggiando Le Jardin du LuxembourgLes Invalides, sono passata attraverso Le Champ de Mars con gli occhi fissi sulla Tour Eiffel, ci son passata sotto per poi salire sul Trocadéro e rimirarla da “dietro”, proseguendo verso l’Étoile e l’Arc de Triomphe per immergermi nella folla degli Champs-Élisée.

Son passata vicino al Grand Palais e magicamente ho avuto modo di ammirare la proiezione “L’origine du monde” di Miguel Chevalier, direttamente sui marmi bianchi dell’enorme monumento; mi sono seduta nel cortile del Louvre per osservarne le splendide facciate e riflettere sulle piramidi di cristallo che ne hanno mutato la prospettiva, sul passato, la storia e i ricordi; mi sono spinta sin davanti al Moulin Rouge perché da bambina le sue luci mi avevan fatto effetto, per poi salire fin [quasi] al cucuzzolo di Montmartre pensando alla trama de “Il meraviglioso mondo di Amelie”, all’importanza che il film dà al “ruolo” della voce narrante e a come sia simile a quel che succede in alcuni libri di David Foster Wallace… ma sempre continuando a canticchiare mentalmente Edit Piaf.

Ho visto tanti luoghi, li ho riportati alla mente tra i ricordi, ho svuotato i pensieri per riempirli di cose nuove, ma anche di alcune apparentemente vecchie. Tornare a Parigi è stato bello.

Leggi anche:
Parigi a Marzo: la logistica
A Lione per la Biennale: mostre e musei
– A Lione per la Biennale: questioni logistiche
– Roma e l’arte contemporanea: di nuovo al Macro
– Venezia vol. 5/5 [Peggy Guggenheim e l’arte contemporanea]
– Venezia vol. 4/5 [la Biennale in città]
– Venezia vol. 3/5 [la Biennale: Giardini]
– Venezia vol. 2/5 [la Biennale: Arsenale]
– Venezia vol. 1/5 [economics di viaggio]
– Regalarsi un viaggio a Nizza
– Roma e l’arte contemporanea: il Macro Future e la Pelanda
– Bordeaux parte 3 – In assetto da turista: mostre, musei e luoghi d’arte
– Bordeaux parte 2 – In assetto da turista: l’arte e l’arte del vino
– Bordeaux parte 1 – Pupille & Papille: la città, l’hotel, il cibo e il vino
– Finte ferie a Catania in attesa di quelle vere
– A spasso per Firenze tra docenze, arte contemporanea ed esperienze di gusto
– Roma e l’arte contemporanea: il Palazzo delle Esposizioni
– A Foligno con Smartbox
– I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma
– Mini-ferie in ottobre a Salonicco
– “Finte” ferie agostane 2011 tra Abruzzo e Umbria [con ricetta]
– Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste
– Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda
– Lanzarote e i suoi paesaggi
– Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la sciarpa
– Turista 2.0 – le mie strategie per vacanze brevi e low cost
– Quattro giorni da turista a Madrid
– Roma e l’arte contemporanea: il Museo dell’Ara Pacis
– Roma e l’arte contemporanea: il MACRO
– Roma e l’arte contemporanea: il MAXXI
– Firenze Contemporanea
– Sole e relax a Barcellona
– Nella sublime New York tra arte, brand e tanto freddo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *