Belgrado - segnaletica © Alessandra Colucci

In vacanza a Belgrado: logistica [2 di 4]

Nell’organizzare il mio viaggio a Belgrado mi sono affidata al mio consueto approccio da “turista 2.0” utilizzando app, aggregatori, social media e il web in generale per informarmi e prenotare.
Per chi cerca spunti,  di seguito il risultato della mia ricerca e della mia esperienza. 🙂

Belgrado - segnaletica © Alessandra Colucci

LA PRENOTAZIONE

Come vi dicevo nella prima “puntata”, ho deciso di partire un po’ all’improvviso, alquanto a ridosso delle date rimaste vuote in agenda e, se ciò non bastasse, ero anche decisa a NON spendere un “capitombolo” a dispetto dell’altissima stagione.

La scelta della meta si è dunque basata sull’ormai collaudato metodo “vediamo che dice la ‘classifica’ di Skyscanner, classifica che è stata depurata dei luoghi in cui sono già stata e a cui è seguita una breve ricerca su 2 o 3 località selezionate per avere un’idea delle possibili attrattive, oltre a un primo controllo sulle disponibilità di alloggio in centro città proposte da Trivago che avessero un punteggio pari o maggiore di 78.

Da quella che può sembrare una complicatissima ricerca di mercato, ma che – anche grazie all’esperienza – mi avrà portato via sì e no 15 minuti, è “uscita” Belgrado. Qualche perplessità iniziale dovuta alla possibile necessità del passaporto, poi rivelatasi infondata [basta la carta d’identità], e del cambio di moneta, immediatamente fugata grazie a una ricerca di un paio di minuti su prezzi medi e cambio [favorevole], ed era fatta.

IL VIAGGIO

In sintesi dopo neppure mezz’ora avevo prenotato il volo e il parcheggio [l’orario del ritorno rendeva particolarmente complesso fare affidamento sul bus]:

  • Volo andata e ritorno per 2 persone con Easyjet da Roma Fiumicino a Belgrado Nicola Tesla: 255 euro
  • Parcheggio Lunga Sosta Economy a Fiumicino per 5 giorni e mezzo: 31 euro

Entrambi i voli Easyjet si sono svolti senza intoppi, se si escludono i 15 minuti di ritardo al ritorno [che comunque non sono molti]. Solite noie per trovare il Parcheggio Lunga Sosta Economy a Fiumicino che l’esperienza ha notevolmente ridotto e un po’ d’irritazione nel dover girare per quasi mezz’ora tra le file di auto lasciate anche nelle aiuole prima di trovare un posto [trovo scandaloso che ADR venda i parcheggi in over-booking causando disagi a chi deve partire!], ma tutto è filato liscio.

L’ALLOGGIO

Grazie alla “classifica” di Trivago ho prenotato un monolocale in centro su Booking.com [228 euro per 5 notti, tasse di soggiorno incluse] messo a disposizione dall’agenzia Basco Belgrade Apartments.

Il monolocale era centrale, grazioso, ben organizzato [angolo cottura, salottino, letto a due piazze], arredato  completamente sui toni del bianco che gli donava un’aria fresca e con un piccolo balconcino.
Abbastanza pulito, dotato di tv, wi-fi gratuito e aria condizionata [quando siamo arrivati facevano 37 gradi: è stata una salvezza], oltre che di fornelli, microonde, tostapane, lavatrice, mini-phon, ferro da stiro con tanto di tavola e doppia scorta di biancheria.
Non ho avuto necessità [né voglia! 😉 ] di usare tutti gli elettrodomestici, ma ho apprezzato molto il fatto di averli a disposizione.
L’elemento negativo stava nel fatto di trovarsi al quarto piano senza ascensore e di trovarsi in uno stabile vecchiotto e non molto curato, senza la comodità di una reception a cui chiedere informazioni [come nel caso di Bordeaux e Nizza].

L’ultimo neo elencato, però, è stato brillantemente risolto dallo staff della Basco Belgrade Apartments, disponibilissimo e veramente prolifico di informazioni  nelle comunicazioni via email. Hanno pensato loro al nostro transfer dall’aeroporto di Belgrado all’appartamento [costo: 20 euro] in compagnia di Miloš al nostro arrivo [al ritorno ci sentivamo talmente “padroni della città” da prendere il bus 72 da pijaca Zeleni Venac al modico costo di 1 euro a testa]; ci hanno accolto al nostro arrivo al monolocale dotandoci di mappa della città, brochure per eventuali gite fuoriporta [già anticipata via email] e password del wi-fi; ci hanno permesso di lasciare le nostre valigie nel loro ufficio in centro per il tempo che ci rimaneva per fare i turisti tra il check-out dell’appartamento e il volo di ritorno. Veramente molto cortesi e professionali!

Dopo le mie riflessioni sulla città di Belgrado e le dritte sulla logistica, nella prossima “puntata” del mio reportage di viaggio [il prossimo lunedì] mi riprometto di raccontarvi cosa e dove ho mangiato, mentre in quella successiva nonché ultima [mercoledì] qualche info su musei e mostre che hanno fatto parte del mio piccolo tour della città. Stay tuned! 🙂

Leggi anche:
In vacanza a Belgrado: la città e i parchi [1 di 4]
Parigi a Marzo: l’arte
Parigi a Marzo: la logistica
A Lione per la Biennale: mostre e musei
– A Lione per la Biennale: questioni logistiche
– Roma e l’arte contemporanea: di nuovo al Macro
– Venezia vol. 5/5 [Peggy Guggenheim e l’arte contemporanea]
– Venezia vol. 4/5 [la Biennale in città]
– Venezia vol. 3/5 [la Biennale: Giardini]
– Venezia vol. 2/5 [la Biennale: Arsenale]
– Venezia vol. 1/5 [economics di viaggio]
– Regalarsi un viaggio a Nizza
– Roma e l’arte contemporanea: il Macro Future e la Pelanda
– Bordeaux parte 3 – In assetto da turista: mostre, musei e luoghi d’arte
– Bordeaux parte 2 – In assetto da turista: l’arte e l’arte del vino
– Bordeaux parte 1 – Pupille & Papille: la città, l’hotel, il cibo e il vino
– Finte ferie a Catania in attesa di quelle vere
– A spasso per Firenze tra docenze, arte contemporanea ed esperienze di gusto
– Roma e l’arte contemporanea: il Palazzo delle Esposizioni
– A Foligno con Smartbox
– I colori di Georgia O’Keeffe in mostra a Roma
– Mini-ferie in ottobre a Salonicco
– “Finte” ferie agostane 2011 tra Abruzzo e Umbria [con ricetta]
– Relax in Puglia: Peschici, Rodi Garganico e Vieste
– Roma e l’arte contemporanea: il MACRO – parte seconda
– Lanzarote e i suoi paesaggi
– Il mio viaggio a Berlino – ovvero – Cinque giorni con la sciarpa
– Turista 2.0 – le mie strategie per vacanze brevi e low cost
– Quattro giorni da turista a Madrid
– Roma e l’arte contemporanea: il Museo dell’Ara Pacis
– Roma e l’arte contemporanea: il MACRO
– Roma e l’arte contemporanea: il MAXXI
– Firenze Contemporanea
– Sole e relax a Barcellona
– Nella sublime New York tra arte, brand e tanto freddo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *