Il più grande artista del mondo dopo Adolf Hitler di Massimiliani Parente - libro

Il più grande artista del mondo dopo Adolf Hitler di Massimiliano Parente [libro]

Ho letto di recente “Il più grande artista del mondo dopo Adolf Hitler”, l’avvincente quanto sconvolgente libro di Massimiliano Parente. Un romanzo esilarante e surreale che tra le righe racchiude meravigliose riflessioni sull’esistenza, sull’arte contemporanea [e non], sui social network [Twitter, in particolare], sulla straordinarietà delle piccole cose e – al contempo – la sua particolare visione del “luogo comune” e “politicamente corretto”, destrutturati e utilizzati entrambi in modo assolutamente creativo.

Il più grande artista del mondo dopo Adolf Hitler di Massimiliani Parente - libroIl protagonista del libro è Max Fontana che si autodefinisce – e viene definito – come “il più grande artista del mondo dopo Adolf Hitler”, appunto. E questo la dice molto lunga sul controverso personaggio: all’apparenza superficiale e senza scrupoli, Max ha una mente talmente creativa e geniale che riesce a stupire – oltre che a scioccare – il lettore a ogni riga. Ogni suo gesto, ogni sua affermazione provocatoria, ogni tweet [il mio preferito rimane “Il tramonto è anacronistico”], ogni situazione di cui rimane contemporaneamente artefice e vittima, riescono a lavorare dentro la mente di chi legge, trasformarsi in immagini vivide quanto, spesso, “splatter” e portarlo a riflettere sul livello più profondo degli arguti messaggi.

Devo dire che – non senza un po’ di sorpresa – ho adorato questo personaggio, il suo modo completamente “laterale” di guardare alle cose, il suo essere così privo di ipocrisia e così ironico, seppur talvolta cinico. Anche se alcune delle sue azioni e frasi siano raccapriccianti, io non ho potuto fare a meno di immedesimarmi completamente in questo folle artista stracolmo di idee e creatività sin dai titoli delle sue opere [N.B. imperdibile la lettura del “Catalogo delle opere citate” a fine libro], d’altra parte concordo assolutamente con lui rispetto all’assurdità dei “senza titolo”:

” […] Quando c’è l’idea un titolo semplice è il massimo. Mica come tutti questi furbi imbecilli contemporanei che siccome non hanno idee intitolano le opere Senza titolo. Prendono un canotto e due scoiattoli imbalsamati e lo intitolano Senza titolo perché non sanno cosa cazzo significa, hanno messo lì un canotto e due scoiattoli imbalsamati. Tanto arrivano i critici a dare l’interpretazione, l’arte contemporanea campa di questi giochetti. Io non voglio i critici, io voglio significare quello che voglio significare.”

Anche il suo modo di connettere l’arte all’intenzione mi pare molto interessante:

“L’intenzione nell’arte è tutto, dico nel registratore vocale dell’iPhone. L’intenzione, e trovarsi nel tempo giusto: Tiziano, alla fine della sua vita , dipingeva con le diranno perché fosse un espressionista in anticipo di duecento anni, ma perché era cieco. Quindi, semplicemente, dipingeva male, mentre sarebbe stato un anticipatore dell’espressionismo a fine Ottocento, se avesse dipinto male intenzionalmente, e sarebbe stato un epilogo degli espressionisti negli anni Venti del Novecento.”

Oscena quanto esilarante, poi, la sua ossessione per Hitler… ma di questa è pieno il libro, dunque niente citazioni, anche perché DOVETE leggerlo! Se siete affascinati dal pensiero laterale e la banalità vi annoia mortalmente [ma anche se siete semplicemente appassionati di arte contemporanea e/o fan del product placement letterario], non potete assolutamente evitare di leggerlo! Fatemi sapere che ne pensate, quantomeno una volta metabolizzato lo shock! 😉

Altro sui libri:
Verso occidente l’impero dirige il suo corso di David Foster Wallace [libro]
Libri vs. Tabloid
Libri per… smartphone addicted [Norlis Bookstore]
Audiolibri e creatività
Gesù e i saldi di fine stagione di Bruno Ballardini [libro]
– La Befana e i flashback da libro [Gandhi Bookstores]
– Tennis, TV, trigonometria, tornado… – ovvero – il mio ottavo libro di David Foster Wallace
– L’amore per i libri secondo Floriano Bookstore
– Creatività e strumenti didattici: Carulla e il libro che si taglia
– Più lontano ancora di Jonathan Franzen [libro]
– Storia di un Corpo di Daniel Pennac [libro]
– Promuovere voli in libreria [British Airways]
– Shared Identities di Vincenzo Bernabei [presentazione del libro – 22 Febbraio]
– La Befana è intellettuale – ovvero – Un libro per chi ha fretta
– Riuso e arredo fai-da-te: E ora si IKrEA di Massimo Acanfora [libro]
– Come diventare sé stessi di David Lipsky – ovvero – Un libro su/di David Foster Wallace
– Marilyn Monroe testimonial per Libreriamo
– “Ultime notizie dal Sud” di Luis Sepúlveda [libro]
– Questa è l’acqua – ovvero – il mio settimo libro di David Foster Wallace
– Concorso Unilibro: Smonta e rimonta un libro!
– I libri non si buttano, MAI!
– Brevi interviste con uomini schifosi – ovvero – il mio sesto libro di David Foster Wallace
– La Befana e i libri
– Ammettilo, leggere ti piace!
– Cosa rende “libro” un libro?
– Ogni libro ti cambia un po’ la vita
– Leggere un buon libro non ha prezzo, per comprarlo c’è MasterCard – ovvero – IBS e i miei libri per l’estate
– “Momenti di trascurabile felicità” di Francesco Piccolo [e alcuni dei miei]
– Considera l’aragosta – ovvero – Il mio quinto libro di David Foster Wallace
– Il luogo in cui si legge di più è il bagno… e c’è chi ne approfitta per ricordarci di leggere di più
– Oblio – ovvero – Il mio quarto libro di David Foster Wallace
– Befana: calze colme di storie
– La scopa del sistema – ovvero – Il mio terzo libro di David Foster Wallace
– “Enjoy the wait” – ovvero – Per ingannare l’attesa ti offro un libro
– Una cosa divertente che non farò mai più – ovvero – Il mio secondo libro di David Foster Wallace
– “Esperienze di marketing personale” l’ebook gratuito di Stefano Principato
– Libri vs. e-book: dalla polemica alle risate
– Il mio primo libro di David Foster Wallace
– Leggere, scrivere, comunicare: riflessioni su un concorso di scrittura creativa
– Il “libro nero” come medium: da Babbo Natale a Debby Holt

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] la più grande in Brasile e in tutta l’America Latina, si è usata una buona dose di pensiero laterale e lo strumento che più di tutti ovviamente rappresenta l’evento: il libro. Con il claim […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *