Oxford - Ashmolean Museum - Joseph Mallord William Turner - View of High Street [Oxford] © Alessandra Colucci

Oxford e l’Ashmolean Museum

Uno dei musei che assolutamente non si può evitare di visitare se si capita a Oxford è di certo l’Ashmolean Museum. Il museo in questione, in pieno centro città, raccoglie opere di tutti i tempi – dalla preistoria alla civiltà egizia, dall’arte greca e romana alle avanguardie del Novecento – in una location che da sola varrebbe la visita.

Ogni volta che mi trovo a Oxford non posso evitare di entrare di tanto in tanto nell’Ashmolean Museum, uno dei musei pubblici più antichi del mondo. Durante le giornate di pioggia, tra un impegno e l’atro di lavoro, quando la noia fa capolino o semplicemente per riempirsi gli occhi di arte, l’Ashmolean Museum è uno dei luoghi perfetti in cui schiarirsi le idee e trascorrere del tempo girovagando tra fantastiche opere d’arte di ogni epoca.

L’edificio, a pochi passi dalle strade più commerciali di Oxford, si erge in Beaumont Street nobile e maestoso nel suo stile neoclassico, mentre attraversando la porta a vetri dell’ingresso pare già di aver fatto un viaggio lungo secoli e ci si ritrova in uno spazio neutro come solo lo stile minimal della contemporaneità sa costruire. Il museo raccoglie opere di tutti i tempi e per tutti i gusti, ma ovviamente l’area che io preferisco è quella moderna e – quando allestita – quella dedicata all’esposizione di arte contemporanea.

Tra le mie opere preferite sicuramente la tela raffigurante l’High Street di Oxford e dipinta da Joseph Mallord William Turner, considerato il precursore delle avanguardie. Il quadro, del 1810, ritrae una panoramica dell’affascinante via oxfordiana in cui si colgono dettagli architettonici in maniera unica, come solo il pennello di Turner sapeva fare.

Qui una piccola selezione delle opere del museo a cui non riesco mai a evitare di portare i miei omaggi.

Non vi sentite già più rilassati? É l'”effetto SPA” di Oxford! 😉

Altro su Oxford e gli UK

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *