Articoli

O’Learys Sports Bar, il pub dove andare a vedere la tua squadra anche quando perde

O’Learys Sports Bar è una catena svedese di pub in cui, oltre che per il menu, le persone si recano per assistere assieme alle partite degli sport di squadra quali il calcio, l’hockey e simili. Il brand ha avuto una geniale idea promozionale che, non solo gli ha assicurato una grande visibilità tra i tifosi, ma ha contribuito ad alleviare le sofferenze degli affezionati del team perdente di turno.

Considerando che tra i propri clienti O’Learys Sports Bar può annoverare un grandissimo numero di tifosi sfegatati di differenti sport e squadre, avendo notato quanto gli stessi fossero poco propensi a frequentare i propri locali nei periodi in cui il team che supportano non è al massimo della forma e gioca male, il brand ha trovato il modo di trasformare tale minaccia per il proprio business in opportunità, fidelizzando la clientela con una speciale promozione.

La campagna di direct marketing “Defeat Treat”degli O’Learys Sports Bar si basa infatti sulla possibilità per ogni tifoso di assicurarsi un coupon da 70 cent quando la sua squadra perde. Grazie all’app della catena, infatti, segnalando la propria email e il team che si supporta, chiunque può richiedere di aderire alla promozione e alleviare il dolore della sconfitta con una consumazione  al bancone del pub.


[via]

Un’iniziativa da copiare per tutti i locali presi d’assalto durante la diretta delle partite di calcio! 😉

Altro sul direct marketing

Sintonizzati sugli spiedini [direct marketing]

Fatz, una catena di ristoranti statunitense, ha pensato di incentivare la clientela potenziale a provare la propria cucina allettandola con un coupon da 5 dollari di sconto ma, non volendo essere banale, ha trasformato il buono sconto in una campagna di direct marketing a suon di spiedini.

Per aumentare la propria clientela di riferimento, Fatz ha preso spunto e ispirazione dai propri spiedini di gamberi e verdure alla griglia, ha dato al coupon la loro forma e, per renderlo ancora più realistico come spiedino, ha fatto in modo che fosse distribuito “infilzato” alle antenne delle automobili parcheggiate, in perfetto stile guerriglia marketing. Le persone, di ritorno da negozi e market della zona alle proprie vetture, hanno quindi trovato ad attenderli uno spiedino appetitoso quanto portatore di risparmio su cui “sintonizzarsi”.

Un’idea semplice, ma creativa, non trovate?

Fatz - direct marketing
[via]

Altro sul direct marketing

Polvere di sconti [ambient marketing]

Pare che San Paolo sia una città in cui il settore degli autolavaggi risulti essere terribilmente affollato: con 500 agguerriti competitor sul mercato, il Car Wash Park ha deciso di puntare sulla creatività – oltre che su un cospicuo sconto – per invogliare gli automobilisti a scegliere la propria struttura quando hanno bisogno di lavare il proprio veicolo.

Per far fronte alla selvaggia competizione presente nel proprio settore, Car Wash Park ha messo a punto una simpatica campagna di ambient marketing che utilizza la “materia prima” su cui si basa la propria attività – ovvero la polvere e lo sporco – come strumento di comunicazione. Con un’abile strategia creativa basata sul pensiero laterale, l’autolavaggio in questione ha trasformato il classico “Lavami” che spesso passanti mossi a compassione per le auto lerce scrivono con il dito su finestrini e parabrezza, in un vero e proprio coupon.

L’azienda ha infatti creato uno speciale stencil con la scritta “Take this coupon to Car Wash Park and get a 50% discount.” [trad. ita.”Porta questo coupon da Car Wash Parco e ottieni uno sconto del 50%.”] e lo ha utilizzato per lasciare il messaggio sulle vetture molto sporche del proprio quartiere, soprattutto in prossimità di centri commerciali e supermercati.

Car Wash Park - ambient marketing
[via]

La scelta del mezzo è sicuramente una trovata originale per aver la certezza di raggiungere il proprio target, la pratica dello sconto un modo per assicurarsi attenzione e ben disporre il potenziale cliente. Bella idea, non trovate?

Altro sull’ambient marketing

Altro sul pensiero laterale

Un buono sconto da grigliare

Come trasformale una “banale” campagna promozionale per un ristorante tirolese specializzato in pietanze cotte alla brace e alla griglia in qualcosa di unico e indimenticabile? Picknick Restaurant ci è riuscito creando un buono omaggio letteralmente da “grigliare” prima di poterlo usare.

L’obiettivo era quello di promuovere il Picknick Restaurant, un locale diverso dai consueti punti di ristoro presenti in Sud Tirolo, un ristorante in cui cucina e birrificio sono a vista, in cui il menu cambia ogni giorno ed è possibile ordinare qualsiasi piatto take away, in modo da poter decidere di consumarlo – in estate, ovviamente – all’aperto godendosi lo splendido panorama montano, i verdi prati e l’aria fresca.

L’idea è stata quella di creare un buono omaggio molto speciale, completamente connesso alla brand identity del ristorante e alla sua specialità, le grigliate. Il ticket da spendere nella struttura, infatti, non riporta esplicitamente l’indicazione del suo valore economico, ma occorre letteralmente “grigliarlo” per farla apparire.

Il particolarissimo coupon, è stato appositamente creato per Picknick Restaurant e presentato un un ricercato packaging di legno a forma di piccola valigia, all’interno della quale oltre al voucher sono stati inseriti alcuni fiammiferi, indispensabili per chi ricevesse il buono e ne volesse conoscere l’importo facendolo “alla griglia”.

Picknick Restaurant - campagna promozionale
[via]

Interessantissima reinterpretazione del coupon omaggio, grazie alla sua creatività la campagna promozionale mette bene in evidenza il valore aggiunto di Picknick Restaurant, sorprendendo i potenziali clienti con la sua originalità.